La berlina emissioni zero del gigante della tecnologia ha iniziato i test su strada nel freddo dell'Europa

Un anno fa faceva il suo debutto al CES di Las Vegas (quando ancora i saloni e le fiere si svolgevano davanti al pubblico) la Sony Vision-S, prototipo di una berlina elettrica firmata dal colosso giapponese dell'elettronica.

Un prototipo nato inizialmente senza pretese di produzione in serie, ma più come vetrina su quello che potrebbe essere il futuro delle auto a emissioni zero. Ora però Sony dalla teoria vuole passare ai fatti e, un po' a sorpresa, ha iniziato i test su strada della versione di serie della sua berlina a batterie.

Alla prova del freddo

E così in occasione del CES 2021 Sony ha mostrato lo stato di avanzamento lavori, pubblicando un primo video che vede la Vision-S alle prese con lunghi test su strada in mezzo alle nevi dell'Austria. Un Paese scelto non a caso: lì si trova infatti la sede della Magna Steyr, colosso delle forniture per il mondo dell'auto e responsabile della produzione di numerose auto per differenti Case, dalla Mercedes Classe G alla BMW Serie 5 passando per Jaguar I-Pace e Toyota Supra.

Un fornitore che, assieme a Nvidia, Continental, Bosch, ZF e Qualcomm ha supportato Sony nel dare vita alla sua prima auto, ricca di numerose tecnologie all'avanguardia, dall'infotainment ai sistemi di assistenza alla guida, sui quali si stanno focalizzando gli attuali test su strada.

ADAS attualmente di Livello 2, ma pronti - grazie ad aggiornamenti Over the Air - a raggiungere il Livello 4. Seguendo infatti la filosofia lanciata da Tesla e adottata poi da altre Case, anche Sony ha dotato la propria auto elettrica di tutto l'hardware necessario (33 sensori in totale) per una guida semi autonoma, da "sbloccare" in futuro con software sempre più raffinati.

Sony Vision-S concept
Sony Vision-S concept

Aggiornamenti che riguarderanno anche l'affascinante e futuristico sistema di infotainment, visualizzato su una serie di monitor che attraversano tutta la plancia e che comprendono anche 2 schermi sui quali vengono proiettate le immagini riprese dalle telecamere esterne, montate al posto dei classici specchietti retrovisori.

Quando arriverà?

Ancora una volta però in Sony non si sono sbottonati circa l'arrivo della versione di serie della Vision-S, nè su quelle che saranno le sue specifiche tecniche una volta in commercio. Specifiche che sulla concept contavano su 2 motori elettrici da 200 kW totali (268 CV) per 240 km/h di velocità massima e 4,8" per passare da 0 a 100 km/h.

Di batterie non si è mai parlato, nè tantomeno di autononomia, ma considerando il tipo di auto - una berlina a 4 posti lunga 4,89 metri e con passo di 3,03 - dovrebbe poter percorrere almeno 400 km con una sola ricarica.

La Vision-S potrebbe essere solo la prima di una serie di auto prodotte da Sony: l'azienda giapponese, dovesse avere successo con la sua berlina, potrebbe anche decidere di lanciarsi nel mondo della mobilità con un secondo modello, un SUV - naturalmente 100% elettrico - per fare concorrenza a Tesla e alla sua Model Y.

Comunque andrà i test della Vision-S sono l'ennesima conferma di come il mondo dell'auto sia sempre più al centro dei pensieri dei colossi della tecnologia. 

Fotogallery: Sony Vision-S concept