Presentata nel 1999, ha avuto solo un facoltoso proprietario nella sua storia che ha custodito gelosamente i 612 cavalli del 5.3 V8

Una rarissima Aston Martin Vantage Le Mans V600 cerca un nuovo proprietario. Per averla “basta” connettersi il 13 febbraio all’asta online di Rm Sotheby’s ed essere pronti a versare una cifra importante (quanto esattamente? La base d'asta non si trova sul sito, ma immaginiamo un bel po' di euro...)

L’edizione speciale fu concepita nel 1999 per celebrare il 40esimo anniversario dalla vittoria del marchio alla 24 ore di Le Mans. Solo 40 esemplari vennero prodotti con la prima presentazione, che avvenne al Salone di Ginevra del 1999.

La Vantage Le Mans non era solo un’Aston Martin con colore e allestimento speciale, ma era di fatto un modello unico nel suo genere.

600 cavalli ben conservati

L’Aston Martin dell’asta è la numero 32/40 e presenta un frontale aggressivo con splitter e larghe prese d’aria per migliorare aerodinamica e deportanza. I dettagli “Le Mans” impreziosiscono le fiancate e il tappo del serbatoio e richiamano alcuni elementi della DBR1, l’auto che vinse la corsa di resistenza nel 1959.

Aston Martin Vantage Le Mans V600

Nell’abitacolo il trattamento sportivo continua con interni in pelle rossa e finiture in alluminio, tra cui il pomello del cambio. Non mancano anche alcuni dettagli in Alcantara per accentuare la sensazione di lusso.

Sotto il cofano troviamo un 5.3 V8 da ben 612 cavalli e 820 Nm di coppia, che spingono la Vantage da 0 a 100 km/h in soli 3,9 secondi.

Ormai siamo abituati a vedere numeri ben più impressionanti (vedi i 1500 cavalli della Bugatti Chiron o i 760 della Shelby GT500 che abbiamo provato), ma all’epoca erano valori incredibili. Basta considerare che la McLaren F1, una delle auto più veloci e potenti di quegli anni, erogava circa 680 cavalli.

La “cura Le Mans” comprende inoltre il pacchetto Driving Dynamics, con sospensioni e freni migliorati e cerchi Dymag in lega di magnesio per diminuire il peso.

Tenuta sempre in garage? No, museo

Come tutte le auto rare che finiscono all’asta, anche gli ex proprietari della Vantage Le Mans non sono proprio persone comuni. La supercar venne consegnata nuova a Shabib bin Talmur Al Said, un membro della famiglia reale dell’Oman, che la conservò nel suo museo privato nelle Alpi Svizzere.

Nel 2012 la Vantage è tornata alla casa madre dov’è stata riverniciata in Penine Grey, il colore originale dell’auto. Gli interni sono stati aggiornati con rivestimenti in Pepper Red e accenti Dark Grey per creare un giusto abbinamento con la carrozzeria.

Aston Martin Vantage Le Mans V600

Nel corso della sua storia l’auto ha ricevuto una trasmissione automatica, ma c’è la possibilità di ripristinare la configurazione originale con cambio manuale ZF a 6 rapporti. L’Aston Martin ha percorso poco più di 17.000 km in tutta la sua vita e ha recentemente ricevuto una serie di controlli alla meccanica.

Fotogallery: Aston Martin Vantage Le Mans V600