Si chiamano BMW 320e e 520e, hanno 204 CV e possono percorrere circa 50 km in modalità elettrica grazie a batterie da 12 kWh

Dopo le top di gamma 330e, 530e e la più potente 545e la gamma delle BMW Serie 3 e Serie 5 continua l'opera di elettrificazione con le plug-in entry level. Si chiamano 320e e 520e, hanno entrambe il 2.0 turbo benzina da 163 CV sotto al cofano, coadiuvato da un motore elettrico da 113 (Serie 3) o 109 CV (Serie 5).

Modelli che si inseriscono in una strategia che porterà il Gruppo BMW ad avere in gamma 15 versioni elettrificate (14 BMW e una MINI) entro marzo 2021.

Motore e autonomia

Disponibili sia con carrozzeria berlina sia in versione Touring (station wagon) le BMW 320e e 520e possono contare su 204 CV e 350 Nm di coppia, con batterie agli ioni di litrioda 12 kWh sufficienti per percorrere fino a 54 km sulla Serie 3 e fino a 51 sulla Serie 5 in modalità 100% elettrica, toccando i 140 km/h di velocità massima.

external_image

Come sulle altre ibride plug-in il volume di carico si riduce, anche se di poco, grazie alla batteria sistemata sotto al divanetto. La 320e berlina dichiara così 375 litri mentre la Touring tocca i 410 litri. Sulla 520e si passa invece dai 410 litri della 3 volumi ai 430 della station wagon.

Le emissioni dichiarate sono sempre al di sotto del limite dei 60 g/km di CO2, permettendo così di usufruire degli incentivi statali pari a 6.500 euro se si rottama una vecchia auto, 3.500 senza rottamazione. I prezzi partono da 48.500 euro per la BMW 320 berlina e 50.300 per la Touring, mentre per la 520e sono rispettivamente il listino attacca a 56.550 per la berlina e 58.900 per la Touring.

external_image

Le dotazioni di serie

Di serie su tutti gli allestimenti sono previsti, tra le altre cose, climatizzatore automatico, attivabile a distanza tramite la app My BMW App, BMW Live Cockpit Plus e generatore di rumore quando si viaggia al di sotto dei 30 km/h.