Per la propria hypercar Battista, Automobili Pininfarina (qui vi raccontiamo la celebre storia del marchio) ha deciso di affidarsi a chi di bolidi (anche elettrici) se ne intende. Al volante del prototipo c’è infatti Nick Heidfeld, ex pilota di Formula F1 e Formula E. Heidfeld è sceso in pista nell’Anello di Nardò, un circuito utilizzato da tante case nello sviluppo di modelli ad alta velocità.

L’hypercar italiana dei record

Il pilota, che vanta oltre 25 anni di esperienza nel motorsport, si è unito al team di sviluppo della Battista nel 2019. Dai test a bordo di un avanzato simulatore, si è presto passati all’elaborazione vera e propria dell’hypercar elettrica da 1900 cavalli e 2300 Nm di coppia.

Le prove sono state eseguite con due set di pneumatici. Le preferite da Heidfeld sono le Michelin Sport Cup 2R che, abbinate ai cerchi in lega leggera “Impulso”, permettono di avere la massima trazione in pista.

Pininfarina Battista a Nardò con Nick Heidfeld
Pininfarina Battista a Nardò con Nick Heidfeld

L’obiettivo di Heidfeld e del team è di portare la Battista sotto i due secondi nello scatto 0-100 km/h. La batteria da 120 kWh alimenta quattro motori elettrici sistemati sulle ruote e consente un’autonomia di 500 km.

La Automobili Pininfarina Battista rappresenta l’auto italiana omologata per la strada più potente di sempre. Concepita e costruita nel nostro Paese, verranno realizzati  solo 150 esemplari nell’atelier Pininfarina di Cambiano. Le prime Battista verranno consegnate verso la fine del 2021.

Le sensazioni di Heidfeld

“Guidare la Battista in pista è stata un’esperienza davvero speciale – racconta Heidfeld -. Il prototipo è ormai arrivato ad una fase avanzata della progettazione. Siamo però ancora all’80% del vero potenziale dell’auto, in termini di potenza, prestazioni e accelerazione”.

Pininfarina Battista a Nardò con Nick Heidfeld

Il pilota prosegue raccontando le sue impressioni di guida: “Ciò che mi sorprende è come la Battista si trovi a suo agio in pista. Stiamo creando un’auto che darà soddisfazioni a tutte le velocità. L’inserimento in curva e la velocità sono eccezionali.

Possiamo ancora migliorare il controllo di trazione e il trasferimento della potenza. Anche se la paragoniamo alle migliori hypercar al mondo, l’accelerazione della Battista è qualcosa di mai visto prima. Mi aspetto grandi emozioni anche nei test che eseguiremo lontano dal tracciato, ad esempio sulle tortuose strade di montagna”.

Fotogallery: Pininfarina Battista a Nardò con Nick Heidfeld