Il crollo del mercato auto sembra non avere fine e anche a febbraio 2021 registra un rosso a doppia cifra, con -12,3% rispetto allo stesso mese dello scorso anno, con 142.998 vetture consegnate, per un totale di 277.145 nel primo bimestre, a -13,1% rispetto al 2020.

Una crisi che non coinvolge però le auto elettrificate, coinvolte nella politica di incentivi statali e regionali, che insieme (ibride + elettriche) per la prima volta superano le auto a benzina, rappresentando il 34,8% delle vendite, contro il 33% alimentate a "verde". Considerando invece le sole ibride, il 28,8% delle immatricolazioni riguarda tale tipo di motorizzazione, con sorpasso sul diesel, in picchiata e ora al 25% del totale.

Gran parte del merito va alle motorizzazioni mild hybrid, ormai vero e proprio fenomeno di mercato e proposte da gran parte delle Case su differenti tipologie di modelli, dalle piccole citycar alle ammiraglie, passando naturalmente per SUV di tutte le taglie.

Le auto più vendute a febbraio 2021

Guardando ai singoli modelli la Fiat Panda rimane in prima posizione con 13.492 unità consegnate, seguita dalla Lancia Ypsilon (3.866), che si riprende la seconda posizione dopo averla ceduta a gennaio alla Toyota Yaris, ora quarta a 3.741. Il terzo gradino del podio è occupato dalla Ford Puma a 3.885.

In top 10 troviamo poi Citroen C3 (3.735), Opel Corsa (3.550), Renault Clio (3.458), Jeep Renegade (3.406), Fiat 500X (3.345) e Fiat 500 (3.218). Tanti modelli appartenenti alla galassia Stellantis, al suo secondo mese di vita e in testa per quanto riguarda i gruppi, con 59.153 immatricolazioni, in calo rispetto alle 68.006 del cumulato FCA-PSA del 2020 e la sola Citroen a far segnare un trend positivo con +2,61%.

Seconda posizione per il Gruppo Volkswagen a 21.793 auto vendute per un -23,19% e Skoda che accenna una timida ripresa a +0,36%. Chiude il podio il Gruppo Renault, col brand madre che perde il 33,46% mentre Dacia fa registrare un +5,33%, per un calo complessivo pari al -21,74%.

I segni meno la fanno da padroni quasi per tutti, con poche eccezioni. Toyota infatti, complice il buon avvio di 2021 della Yaris, fa segnare +4,44% (8.461 immatricolazioni) e Suzuki schizza a +54,36% (4.955). Anche Hyundai si riprende rispetto a Febbraio 2020 con una crescita pari all'1,38% (3.611), mentre Volvo con 1.742 immatricolazioni balza a +23,37%.

Cala anche l'usato

A soffrire della situazione socio economica è anche il mercato delle auto usate, che con 303.046 trasferimenti di proprietà (al lordo delle minivolture a concessionari) cala del 10% rispetto a febbraio 2020 mentre contando il bimestre il rosso è del 16,8%.

Immatricolazioni auto febbraio 2021