La CX-5 non è soltanto il SUV più grande dell'attuale gamma (europea) di Mazda, ma è anche il modello con cui la Casa giapponese dieci anni fa ha dato il via al suo nuovo corso di stile e a cui si guarda come portabandiera della filosofia tecnica e stilistica. Filosofia che il MY 2021 conferma in pieno, offrendo affinamenti e upgrade ma senza intaccare le caratteristiche generali.

Invariato nell'aspetto, dove non cambiano né il design, rinnovato nel 2017, né le finiture, è infatti stato migliorato nel comparto multimediale e di comunicazione e affinato nei motori che rimangono tuttavia gli stessi. Compresi i Diesel, che arriveranno ad aprile mentre il resto della gamma è già disponibile, e che restano la scelta prevalente in Italia e non soltanto.

Nuovo display

Anche se i modelli compatti come CX-3 e CX-30 si sono avvicinati parecchio, CX-5 continua a vantare il sistema infotainment più grande della gamma, con un display che su questo modello 2021 passa da 8 a 10,25 pollici e ad un formato 8:3.

Il tutto, accompagnato da una maggior rapidità di risposta, da una grafica dalla leggibilità migliorata e da una connettività avanzata con SIM integrata e compatibilità Apple CarPlay e Android Auto di serie.

Mazda CX-5 2021

Controllo a distanza

L'altra novità è "esterna" e rappresentata dall'aggiornata app MyMazda (gratuita e scaricabile da Apple App Store e Google Play Store) che introduce in Europa i nuovi servizi connessi. Tra questi, Vehicle Finder per individuare l’auto nei parcheggi tramite una mappa mostrata sul telefono, la chiusura delle serrature a distanza Remote Door Locking, l'impostazione preventiva delle destinazioni per il navigatore e il check sullo stato del veicolo (Vehicle Health Report).

Inoltre, consente di essere avvisati sulle scadenze degli interventi di manutenzione e contattare direttamente i concessionari o le officine per programmarli.

Mazda CX-5 2021

Il Diesel resta

La gamma, tutta a 4 cilindri, è stata confermata: a benzina troviamo ancora lo Skyactiv-G 2.0 litri da 165 CV, ora però dotato del sistema di disattivazione cilindri ereditato dal 2.5, anch'esso invariato nella potenza, 194 CV e disponibile unicamente con cambio automatico a 6 rapporti e trazione integrale i-Activ AWD mentre il 2 litri si può avere anche con trazione anteriore e con cambio manuale.

Nessuna modifica di rilievo per gli apprezzati turbodiesel  Skyactiv-D 2.2 litri da 150 CV e 184 CV, anche in questo caso con cambio automatico e trazione integrale standard per il più potente e opzionali per quello di "base.

Ci sono però novità nell'interazione con il conducente e nelle emissioni: fedele alla sua filosofia di affinamento senza stravolgimenti, Mazda ha perfezionato il comportamento dell'acceleratore soprattutto sulle versioni con cambio automatico, riviste anche nella logica di cambiata, cercando di ottenere sia una maggior sensibilità sia una riduzione dei consumi e delle emissioni, queste ultime allineate agli standard RDE e dunque con valori molto vicini tra i rilevamenti di banco e i test su strada, con riduzioni, nel caso dei Diesel, di anche il 16 g/km.

Mazda CX-5 2021

Da 31.150 euro

Il listino è stato rimodulato su 3 livelli di allestimento, Business, Executive e Signature, con prezzi base di 33.150 euro per i benzina e 36.650 per i turbodiesel. Ci sono poi due edizioni speciali: la Homura ("fiamma" in giapponese) contraddistinta da finiture esterne in nero lucido (anche cerchi) e tocchi rossi all'interno, e la 100th Anniversary, che combina uno specifico colore di carrozzeria Snowflake White Pearlescent con sedili in pelle bordeaux.

Fotogallery: Mazda CX-5 (2021)

Mazda CX-5

Motore 2.2 turbodiesel
Potenza 184 CV a 4.000 giri
Coppia Massima 445 Nm a 2.000 giri
Trasmissione Automatico a 6 rapporti
Trazione Trazione integrale
Lunghezza 4.555 mm
Larghezza 1.840 mm
Altezza 1.680 mm
Accelerazione 0-100 km/h 9,6 s
Emissioni 6,6 l/100 km