La Lamborghini Huracán STO è una delle “Lambo” più estreme mai costruite. Derivata dalla Super Trofeo EVO e dalla Huracán GT3 EVO, la STO è, di fatto, una vettura da pista omologata per la strada.

Noi avevamo intervistato l’ingegner Lorenzo Rinaldi, la “mente” dietro l’incredibile Lamborghini. La stessa Casa di Sant’Agata ha però rilasciato alcuni interessanti aneddoti riguardanti il suo nuovo “mostro”.

Il “Cofango”

Lamborghini Huracán STO, le 5 cose che non sai
Lamborghini Huracán STO, le 5 cose che non sai

La zona anteriore della STO è davvero originale e ingloba in un’unica struttura cofano e parafango. Da qui la fusione dei termini in “Cofango”. Il sistema è stato creato dagli ingegneri emiliani e si ispira alla Miura e alla più recente Sesto Elemento. Sulla STO il “Cofango” è realizzato in fibra di carbonio e per aprirlo si usa una chiave speciale stampata in tecnica 3D.

Pit Stop dinamico di soli 3 secondi

Lamborghini Huracán STO, le 5 cose che non sai

Questa caratteristica tornerà utile a chi porterà spesso in pista la propria Huracán STO. Lamborghini assicura che le tre nuove modalità di guida (STO, Trofeo e Pioggia) possono cambiare l’assetto dell’auto in soli 3 secondi. Un vero pit stop “in corsa”, come se un team di meccanici agisse sulla vettura in movimento.

Tre giri del mondo al simulatore per i test

Lamborghini Huracán STO, le 5 cose che non sai

Durante la fase di sviluppo, la Huracán STO ha percorso una distanza pari a tre volte il giro del mondo solo al simulatore. Successivamente sono partiti i test veri e propri su strada.

2750 componenti

Lamborghini Huracán STO, le 5 cose che non sai

La STO è una variante più complessa di una “semplice” Huracán. Le soluzioni specifiche per il motore, per l’aerodinamica e l’abitacolo hanno richiesto numerose ore di lavoro di progettazione e di assemblaggio. Lamborghini dichiara che sono necessari oltre 2750 componenti per costruire la sua speciale creazione.

Telemetria connessa

Lamborghini Huracán STO, le 5 cose che non sai

Sempre per chi affronta spesso delle sessioni in pista, Lamborghini ha introdotto l’app per smartphone chiamata “UNICA”. L’applicazione ha richiesto più di 25 mila righe di codice e dialoga direttamente con la vettura.

Tutta la tecnologia di bordo della Huracán STO tra cui le telecamere di bordo Connected Cloud Lamborghini e i vari sensori forniscono una serie di dati direttamente sul proprio smartphone. Così, chi guida una Huracán STO può sentirsi un vero ingegnere di pista.

Fotogallery: Lamborghini Huracán STO, le 5 cose che non sai