Recentemente vi avevamo parlato del ritorno di Ferrari nel mondiale WEC e a Le Mans. La Casa di Maranello potrebbe ritrovarsi con un nuovo e competitivo avversario in pista. Glickenhaus sta infatti portando avanti lo sviluppo della sua 007 LMH, l’hypercar concepita per gareggiare proprio nei gran premi del campionato di resistenza.

In realtà, Glickenhaus non è nuova alle competizioni del WEC. La Casa americana vanta infatti nove partecipazioni alla 24 ore di Le Mans e sei primi posizionamenti nella classe LMP1 alla 24 ore del Nurburgring.

Un V8 per tornare a vincere

Ora però Glickenhaus non vuole solo partecipare, ma anche vincere a Le Mans. Per farlo, i tecnici stanno affinando l’assetto dell’hypercar in pista a Monza. L’obiettivo è anche quello di valutare la resistenza del motore sviluppato dallo specialista francese Pipo Moteurs.

Le vetture numero #708 e #709 si presenteranno ai nastri di partenza del WEC 2021 con un V8 biturbo da 3,5 litri. Nella realizzazione delle auto, Glickenhaus collabora con Podium Advanced Technologies, la cui fabbrica è in Valle d'Aosta e ha visto uscire tutte le vetture destinate alle corse.

La decisione di affidarsi ad un puro V8 è in controtendenza rispetto a quella degli ultimi vincitori a Le Mans. È infatti dal 2012 che la corsa di resistenza più famosa al mondo viene vinta da auto con alimentazione ibrida (Audi R18 e-Tron, Porsche 919 Hybrid e Toyota TS050 Hybrid).

Chissà se con questa scelta Glickenhaus riuscirà a riportare un costruttore americano sul gradino più alto del podio a Le Mans. L’ultima a riuscirci fu la Ford GT40 Mk IV del team Shelby-American nel 1967 in uno straordinario duello con la Ferrari.

Anche per la strada

La 007 LMH però non sarà solo per piloti professionisti. Glickenhaus ha in programma anche una versione omologata per la strada. Dai dati ufficiali diffusi sul sito della Casa, la 007 avrà un peso di 1100 kg e una potenza di 840 CV. Quest’ultima, dice la nota di Glickenhaus, può essere “erogata per 30 ore di fila”: un chiaro riferimento alle capacità di resistenza dell’auto da corsa che parteciperà al WEC.

Anche il prezzo è da vera hypercar ed è di 2 milioni di euro.