Volante con superfici touch, schermo touchscreen fino a 11,6” e head-up display con realtà aumentata. Il futuro a portata di mano

Ormai i nuovi modelli si presentano “a pezzi”. Un po’ alla volta, concentrandosi ora su un aspetto ora su un altro. Così fa anche Audi, che dopo aver lanciato il concept del nuovo SUV medio 100% elettrico Q4 e-tron e aver aperto le prenotazioni online, ne svela oggi interessanti novità per quanto riguarda le tecnologie a bordo e i sistemi di ausilio alla guida.

Il nuovo modello a zero emissioni della Casa di Ingolstadt, che si prepara a debuttare nel corso del 2021, offre un abitacolo ampio e accogliente grazie ai suoi 2,76 metri di passo, che si traducono in uno spazio per gli occupanti che misura 1,83 metri. Quello che più sorprende, però, è la quantità di tecnologia a bordo: quanto di meglio possa offrire il marchio dei Quattro Anelli.

Head-up display con realtà aumentata

Come gli altri recenti modelli della gamma Audi, anche la Q4 e-tron punta con decisione su un abitacolo digitale che si basa principalmente sulla combinazione tra l’Audi Virtual Cockpit, lo schermo MMI del sistema d’infotainment MIB 3 posizionato al centro della plancia (e orientato verso il guidatore) e i comandi vocali con cui è possibile gestire le principali funzionalità.

Audi Q4 e-tron, il prototipo e gli interni

Una delle novità più importanti riguarda però la possibilità di equipaggiare il nuovo SUV con l’head-up display con realtà aumentata che proietta le informazioni importanti direttamente sul parabrezza disponendole due livelli diversi. Nella parte più in bassa vengono riprodotte immagini statiche come la velocità, la navigazione e i segnali stradali, tutti posti come fossero ad una distanza di circa 3 metri davanti al conducente, mentre nella parte superiore trova spazio una nuova sezione riservata la realtà aumentata.

Audi Q4 e-tron, il prototipo e gli interni

In questo caso le informazioni come quelle che indicano dove svoltare o quelle di alcuni sistemi di assistenza vengono visualizzate dinamicamente e sono sovrapposte a quella che è la visuale reale del guidatore. Queste immagini vengono riprodotte ad una distanza fisica che va dai 10 metri in su in base alla situazione dal conducente con un campo visivo che corrisponde ad una diagonale di circa 70 pollici. Ma come funziona tecnicamente?

Proiezione ed elaborazione

Le immagini che vengono proiettate sul parabrezza della nuova Audi Q4 e-tron grazie all’head-up display con realtà aumentata vengono prodotte da un’unità di generazione di immagini, chiamata PGU, posizionata all’interno del quadro strumenti. Uno schermo LCD proietta i fasci luminosi che genera su due specchi mentre alcuni componenti ottici separano il fascio in base alla distanza a cui deve essere proiettato. A questo punto il fascio viene diretto verso un grande specchio concavo e da lì raggiungono il parabrezza.

Audi Q4 e-tron, il prototipo e gli interni

La realizzazione delle immagini lato software, però, viene garantita dall’AR Creator. Si tratta di un’unità di elaborazione contenuta all’interno del sistema di infotaiment MIB 3 che ha il compito di gestire la proiezione istantanea delle immagini in posizione corretta senza nessun movimento improvviso. Per fare questo, l’AR Creator, composto da circa 600.000 righe di codice, sfrutta le informazioni provenienti da sensori (anche quelli delle sospensioni), telecamere e GPS e esegue continui rendering a 60 fotogrammi al secondo.

Schermo da 11”6 come optional

Oltre all'head-up display con realtà aumentata, la Audi Q4 e-tron introduce importanti novità nelle tecnologie già presenti a bordo dei modelli della Casa dei Quattro Anelli e non solo. Lo schermo touchscreen del sistema di infotaiment MIB 3, ad esempio, sarà disponibile entro la fine dell’anno anche con diagonale da 11”6 con risoluzione 1.764 x 824 pixels. Si tratta del più grande display a bordo di una vettura di Ingolstadt.

Audi Q4 e-tron, il prototipo e gli interni
Audi Q4 e-tron, il prototipo e gli interni

Tra le novità a bordo troviamo anche il nuovo volante che nelle due razze laterali presenta delle superfici touch da cui è possibile gestire il cruscotto digitale e il sistema MMI. I tasti retroilluminati su sfondo nero hanno un feedback tattile e sono separati da lievi sporgenze.

Fotogallery: Audi Q4 e-tron, il prototipo e gli interni