L'Emilia Romagna ha sospeso il pagamento del bollo auto in scadenza dal 1 aprile al 31 maggio 2021 fino al 31 luglio 2021. A prendere la decisione, la Giunta regionale guidata dal presidente Bonaccini, che ha approvato la delibera sia per i proprietari di automobili che di autocarri.

I motivi della proroga sono, ovviamente, la situazione sanitaria ancora critica e il perdurare dell'emergenza, che hanno portato al rinvio della tassa automobilistica esattamente come accaduto a marzo e a dicembre dello scorso anno. Per gli automobilisti, non ci sarà alcun aggravio di costi per il ritardato pagamento. Ci sono però delle categorie esentate: ecco chi non paga il bollo.

Cosa dice il provvedimento

La delibera approvata proroga al 31 luglio 2021 il termine ultimo di pagamento delle tasse automobilistiche con scadenza tra il 1° aprile e il 31 maggio 2021. Se corrisposti entro il 2 agosto 2021 (primo giorno lavorativo dopo il 31 luglio), non verranno applicate sanzioni o interessi di alcun tipo, che scatteranno però in automatico se il pagamento non sarò stato effettuato entro questa data.

Paolo Calvano, assessore regionale al Bilancio, ha così commentato: "Abbiamo deciso di adottare nuovamente questo provvedimento consapevoli delle difficoltà che tutti i nostri cittadini stanno vivendo a causa della pandemia. E come già in precedenza, abbiamo scelto di procrastinare una tassa di competenza regionale”.

Pagare il bollo tramite sportelli o intermediari

Già dall’anno scorso tutti i pagamenti verso la Pubblica Amministrazione sono stati convogliati sulla piattaforma online pagoPA ma in ogni caso è possibile pagare il bollo anche attraverso canali fisici, rivolgendosi a un intermediario accreditato per questo servizio.

Nel Lazio, per pagare di persona la tassa auto, ci si può quindi appoggiare a diversi enti: Delegazioni ACI, Studi di Consulenza Automobilistica e Agenzie Pratiche Auto autorizzate (Isaco, PTAvant, Stanet; Agenzia Italia Net Service), punti vendita SISAL/Lottomatica, esercizi convenzionati Banca 5, tabaccherie accreditate, uffici postali e ATM abilitati dalle banche.

Di norma il pagamento presso uno di questi sportelli prevede il pagamento di una commissione di 1,87 € (diritti di riscossione), che si riducono a 1,50 € nel caso in cui ci si rivolga agli uffici postali.

Pagare il bollo via internet tramite pagoPA

Negli ultimi anni, grazie anche allo sviluppo della piattaforma pagoPA, si sono sviluppati anche diversi servizi via internet tramite i quali è possibile pagare la tassa automobilistica. Chi sceglie la modalità online può affidarsi a due portali: l’app dei servizi pubblici IO o la web app PagoBollo (servizio online di ACI denominato Bollonet).

In alternativa, ci si può anche appoggiare ai servizi di homebanking degli Istituti di Credito che aderiscono all’iniziativa PSP (Prestatori Servizi di Pagamento, ovvero che permettono di pagare tramite pagoPA). Anche in questo caso all’importo relativo alla tassa possono applicarsi ulteriori commissioni determinate dalla modalità di pagamento, che variano a seconda del servizio scelto. In ogni caso, però, il pagamento avviene mediante la piattaforma pagoPA.