Toyota ha presentato da qualche giorno la versione speciale della Supra chiamata Jarama Racetrack Edition che sarà disponibile in soli 90 esemplari. Un'auto in edizione limitata che, oltre ad upgrade meccanici ed estetici, si riconosce anche dagli interni in Alcantara che rivestono sedili, volante e altre superfici dell'abitacolo. 

In Alcantara nera con finitura opaca è rivestita la parte centrale della seduta, con la cucitura a contrasto che riprende il colore esterno. Anche il volante e il cambio hanno subito lo stesso trattamento, con la parte centrale del cruscotto che è adornata dal logo dell'edizione speciale.

Solo a sei cilindri

Tutte le Jarama Edition si basano sulla Supra a sei cilindri con il 3.0 da 340 CV abbinato ad un cambio automatico ad 8 rapporti, stessa configurazione che troviamo sulla sorella BMW Z4 M40i. Eroga una coppia massima di 500 Nm e consente un’accelerazione 0-100 km/h di circa 4,3 secondi.

La trazione? Sempre posteriore. Non sono state ancora rivelate le informazioni sul costo della versione speciale che, comunque, dovrebbe arrivare nelle concessionarie verso giugno.

Fotogallery: Toyota GR Supra Jarama Racetrack Edition

Perché Alcantara?

Questa edizione estrema della Supra prende il nome dal circuito spagnolo dove per la prima volta scese in pista (dove noi abbiamo provato il prototipo). Insieme ad Alcantara c'è anche tanta fibra di carbonio, due elementi racing che, oltre ad essere piacevoli al tatto, aiutano a contenere il peso.

Ma perché Alcantara? Si tratta di un materiale molto utilizzato in applicazioni racing perché è traspirante e, al tempo stesso, offre tantissimo grip, per cui permette al pilota di non perdere mai aderenza con la seduta e il volante. Può essere poi personalizzato e utilizzato in una miriade di applicazioni.