Che Ford abbia deciso di puntare, almeno per quanto riguarda il mercato interno, unicamente su SUV/crossover e pickup è notizia ormai datata e non stupisce più nessuno. Così come - almeno in parte - non ci siamo stupiti nel vedere le foto della nuova generazione di Ford Mondeo, pronta ad abbandonare le forme da berlina e station wagon per diventare un crossover coupé.

Modelli figli dei tempi che mutano e costretti a cambiarsi d'abito per continuare ad avere successo. Un successo che la Mondeo ha raccolto fin dal primo anno di commercializzazione (era il 1993) diventando il primo modello globale dell'Ovale Blu, per poi veder calare sempre più le proprie vendite, cedendo quote ai modelli con assetto rialzato.

Ed ecco il perché della sua prossima trasformazione che, almeno così riportano i colleghi di Autocar, non è prevista per l'Europa.

Focus e Fiesta resistono

Il perché non è stato reso noto, quello che è chiaro però è che il Vecchio Continente rimarrà così con le sole Ford Fiesta e Ford Focus a rappresentare modelli classici, affiancati dai vari SUV e crossover di differenti misure, dalla Ecosport alla Explorer, passando per Puma, Kuga e Mustan Mach-e. Rimarranno poi anche le S-Max e Galaxy, monovolume recentemente aggiornate con motorizzazioni ibride.

2022 Ford Mondeo Evos spia foto

E proprio l'elettrificazione giocherà un ruolo fondamentale nel futuro di Ford in Europa, con l'intera gamma mossa da powertrain ibridi plug-in o elettrici a partire dal 2026, per poi diventare completamente emissioni zero dal 2030. Ecco quindi (forse) perché la nuova Ford Mondeo non arriverà in Europa: per lei potrebbe non essere prevista una versione mossa unicamente da motorizzazioni elettriche.

Cosa arriverà?

Ancora non si sa se la casella lasciata vuota dalla Mondeo verrà in qualche modo rimpiazzata. Recenti rumors vogliono l'Ovale Blu impegnato nello sviluppo di 2 nuovi SUV elettrici lunghi circa 4,8 metri da lanciare tra il 2022 e il 2023. Modelli che rientrerebbero nel piano a emissioni zero di Ford per l'Europa.