Si prospetta un anno di svolta in casa Daimler. Nel corso del 2021 la gamma elettrica di Mercedes (primo marchio del Gruppo) si amplierà notevolmente con gli ingressi di EQA, EQS, EQB ed EQE. I mezzi commerciali come Citan, Classe T e eActros arricchiranno, invece, il segmento dei veicoli professionali a batteria.

L’elettrificazione riguarderà anche i bus con l’eCitaro che è attualmente in fase di sviluppo e dovrebbe debuttare nel 2024. Oltre ai nuovi modelli elettrici sono in programma altre novità sul piano finanziario e organizzativo.

Un occhio al 2020 e uno al futuro

Complessivamente positivi i numeri dell’anno della pandemia. I risultati finanziari di Daimler parlano di un EBIT aumentato del 53% a 6,6 miliardi di euro, mentre il profitto è passato da 2,7 miliardi a 4 miliardi euro tra il 2019 e il 2020. Più negativi, invece, i dati relativi alle vendite: Daimler dichiara un -15% di veicoli immatricolati e un fatturato ridotto dell’11% a 154,3 miliardi di euro.

Foto spia Mercedes-Benz EQB

Questo il commento di Manfred Bischoff, presidente del consiglio d’amministrazione di Daimler AG: “Il 2020 è stato un anno difficile per noi, ma abbiamo superato la pandemia in modo brillante”, dichiara Bischoff. “Abbiamo definito alcune misure per ridurre i costi e per resistere alla crisi. Abbiamo anche orientato il nostro sviluppo verso la sostenibilità e la salvaguardia del clima cercando di trovare un equilibrio tra necessità sociali, finanziarie e ambientali”, ha aggiunto il dirigente tedesco.

I modelli ad emissioni zero del Gruppo Daimler sono solo il primo passo del progetto Ambition2039, anno in cui l’intero parco veicoli sarà interamente elettrico.

Mercedes EQA
Mercedes EQA
Mercedes EQS
Gli interni della Mercedes EQS

Per provare a raggiungere questo obiettivo, però, non basterà introdurre auto elettriche, ma serviranno anche sempre più strutture di ricarica. Per questo, Daimler darà il suo contributo nei prossimi anni allargando la rete di ricarica Ionity.

Un’altra novità del 2021 sarà l’esordio di Daimler Truck, la divisione dei veicoli commerciali di Daimler, alla Borsa di Francoforte.

Le prospettive per il 2021

Sfruttando la crescita dell’ultimo periodo del 2020, il 2021 è iniziato piuttosto bene per Daimler. Grazie al trend positivo dei primi mesi dell’anno, l’azienda stima che tutti i principali dati finanziari torneranno ai livelli pre-crisi nel corso del 2021.

I colli di bottiglia alla produzione causati dalla crisi dei semiconduttori non hanno impattato più di tanto sui risultati di Mercedes. A spingere forte le vendite è stato il mercato cinese e la Casa tedesca si aspetta di chiudere con buoni profitti il primo quadrimestre.

Leggermente diversa la situazione per Daimler Trucks. Gli ordini arrivati da Stati Uniti ed Europa per i veicoli commerciali Daimler sono promettenti, ma i problemi nella fornitura dei semiconduttori stanno causando qualche rallentamento nella catena di produzione.

Infine, è pronto un rimpasto delle cariche del consiglio d’amministrazione. Petrae Heynicke, Jurgen Hambrecht e Manfred Bischoff si dimetteranno alla fine dell’anno. Nel CdA sono stati proposti Elizabeth Centoni di Cisco Systems, Ben van Beurden di Royal Dutch Shell e Martin Brudermuller di BASF. A prendere il posto di Bischoff, in carica da 14 anni, potrebbe essere Bernd Pischetsrieder.

Fotogallery: Mercedes EQS, i teaser