Il gruppo Stellantis annuncia un importante accordo di collaborazione industriale, ricerca e sviluppo di nuove tecnologie con le startup israeliane che si occupano di innovazione tecnologica, digitalizzazione, mobilità elettrica, assistenza alla guida, cybersecurity e Industry 4.0.

In pratica il neonato gruppo italo-francese, che è anche il quarto costruttore mondiale di auto, fa così un primo ingresso ufficiale nel vivace panorama israeliano delle tante piccole aziende che sviluppano tecnologie innovative e che trovano applicazione anche nell'auto.

La multinazionale e le startup

A formalizzare questa volontà di Stellantis di puntare sulla nuova mobilità e sulle sfide poste da auto elettrica, guida autonoma e trasformazione digitale c'è un Memorandum d'intesa firmato dalla consociata italiana di Stellantis, FCA Italy S.p.A., e la Israel Innovation Authority, ente pubblico responsabile della politica di innovazione di Israele.

Questo primo accordo fa parte del programma israeliano "R&D and Pilot Collaboration with Multinational Corporations" (MNC) pensato per finanziare, coordinare e facilitare la nascita di rapporti di mutua collaborazione tra le startup locali e le multinazionali straniere.

Una collaborazione finanziata da Stellantis e da Israele

I termini dell'intesa prevedono che FCA Italy possa individuare e selezionare, con l'aiuto anche della Missione economica di Israele in Italia, le attività e gli sviluppi tecnologici utili al gruppo automobilistico, finanziando i programmi di ricerca e sviluppo, marketing e altre attività globali delle startup scelte.

Allo stesso tempo, le startup selezionate da Stellantis riceveranno un pari finanziamento anche dalla Israel Innovation Authority. Ricordiamo che il programma MNC isrealiano è stato avviato nel 2005 e da allora ha visto la sottoscrizione di accordi di collaborazione con diverse multinazionali come Intel, Audi, Adler Pelzer, Abbot, Unilever, Hewlett Packard, IBM, Panasonic, Philips, Nielsen, Fujitsu, Renault e altre.

Assistenza alla guida e non solo

Per sostenere questo accordo, il gruppo Stellantis ha già identificato le aree in cui stringere le prime collaborazioni potenziali, che saranno incentrate sull'assistenza alla guida, la cybersecurity e l'Industry 4.0, e da oltre un anno sta studiando oltre 30 startup.

Fiat 500 elettrica Cabrio

Nell'annunciare la firma del Memorandum, il presidente della Israel Innovation Authority e direttore scientifico del Ministero dell'Economia e dell'Industria, Ami Appelbaum, dice:

"La smart mobility è uno dei settori in più rapida crescita al mondo, e non c'è dubbio che questo accordo tra Stellantis e la Israel Innovation Authority sia un segno di fiducia nel panorama israeliano delle startup e un'ulteriore prova che nel nuovo mondo dell'automotive – così legato all'innovazione e alla tecnologia – Israele è un player chiave.

La collaborazione tra una società globale come Stellantis e le società israeliane porterà allo sviluppo di nuove tecnologie e innovazioni in svariati campi. Stellantis è impaziente di imparare dalle innovazioni scientifiche e tecnologiche di Israele. La nostra collaborazione fornirà un contributo molto importante a Israele e alle attività israeliane di R&S. Questo accordo testimonia il ruolo di Israele all'avanguardia nell'innovazione, che sta attirando l'attenzione internazionale in molti settori di primo piano”.

Jonathan Hadar, responsabile della Missione economica di Israele in Italia, aggiunge:

"Questo accordo è un eccellente esempio di come Israele stia diventando parte dello sviluppo industriale e della trasformazione digitale attualmente in atto in Italia in tutti i settori e in particolare in quello dell'auto".

Altrettanto entusiasta è il commento di Roberto Di Stefano, responsabile e-Mobility di Stellantis che dice:

"Per una società globale come la nostra è essenziale prestare attenzione alle idee generate nelle startup e fornire risorse per sostenere la loro capacità di proporre tecnologie innovative, che puntano a un futuro più sostenibile. 

Sin dalla sua nascita alcuni anni fa, il team e-Mobility è sempre stato molto attento alle proposte di queste realtà innovative e ha osservato con crescente interesse le opportunità da esse offerte e la possibilità di promuovere future partnership. Questo accordo permetterà al nostro Gruppo di premere sull'acceleratore in vista dello sviluppo di un modello unico di collaborazione con le startup israeliane e di partnership esclusiva con la Israel Innovation Authority".