Le auto a tre ruote sono per lo più delle curiosità che appartengono al passato, come la famosissima Morgan 3 Wheeler o la Messerschmitt KR200, oppure strani esperimenti che raramente vengono prodotti in serie. Nel 2005, però, Peugeot scelse questa insolita configurazione per anticipare qualche idea destinata a trovar posto su un paio di modelli in arrivo negli anni successivi.

Al Salone di Francoforte di quell'anno, infatti, la Casa del Leone mostrò il prototipo 20Cup, strana barchetta con due ruote anteriori e una sola sull'asse posteriore. Si trattava di una due posti senza parabrezza, da guidare rigorosamente con il casco, con dimensioni molto contenute: lunghezza di 3,63 metri, larghezza di 1,77 e altezza di 1,16, per un passo di 2,33 metri.

Leggera e potente

A metà strada tra un'auto e una moto, questo veicolo pesava a malapena i 500 chili e aveva praticamente tutti i componenti meccanici concentrati sull'anteriore. Tra questi, il motore, uno dei primi benzina turbo nati dalla collaborazione tra PSA e BMW che avrebbero equipaggiato le nuove generazioni di utilitarie e compatte e ottenuto vari riconoscimenti nelle loro categorie di cilindrata.

Peugeot 20Cup concept (2005)

Ispirazione

Quello montato sulla 20Cup era in particolare un 1.6 con fasatura variabile, che avrebbe poi assunto la sigla THP, tarato per una potenza di 170 CV e 240 Nm di coppia massima tra i 1.400 e i 4.000 giri. Abbastanza da garantire un'accelerazione da 0 a 100 km/h in 5 secondi.

La meccanica non è la sola cosa che questa concept ha anticipato: le linee del frontale, il profilo dei fari e i fendinebbia piazzati sul bordo della calandra li avremmo visti poco più tardi sulla 207.

Fotogallery: Peugeot 20Cup concept (2005)