Il gigante dell’intelligenza artificiale Baidu ha presentato il suo servizio di “robotaxi” a Pechino, nel quartiere di Shougang Park. I taxi con autopilota entreranno in funzione durante i giochi olimpici invernali del 2022 e trasporteranno turisti e tifosi nel corso delle giornate di gare.

Si tratta di un passo in avanti notevole verso la guida completamente autonoma. L’Apollo Go Robotaxi di Baidu sarà il primo servizio con autopilota al mondo.

Come funzionano i robotaxi?

Per prenotare il taxi, i clienti possono utilizzare un’app che consente di individuare una vettura nelle loro vicinanze. Se non viene rilevato nessun robotaxi, il cliente può richiamarlo e farlo arrivare nella sua posizione. Per sbloccare il veicolo si utilizza una serie di codici QR che verificano l’identità e lo stato di salute della persona (in ottica di contenimento del contagio da Covid).

Una volta a bordo si preme il comando “Inizia il viaggio” per chiudere le portiere e per far partire la corsa.

Yunpeng Wang, vicepresidente e general manager di Baidu, annuncia il servizio: “Introdurre servizi senza conducente è un passo importante per la commercializzazione di veicoli a guida autonoma”, ha dichiarato Wang. “Inauguriamo il servizio dopo aver condotto una lunga serie di test in varie città”, ha sottolineato il dirigente cinese.

Volvo e Tesla ci hanno già pensato

Se non conoscete Baidu e non siete convinti dalla sua tecnologia, dovete sapere che Guidehouse, una società di consulenza di livello mondiale, ha recentemente nominato l’azienda come la miglior sviluppatrice di tecnologia a guida autonoma nel mondo.

Ad oggi Baidu ha già registrato 2900 brevetti per la guida intelligente nel corso degli ultimi 8 anni di attività. L’automotive non è rimasto certo a guardare. Il Gruppo Geely (proprietario del marchio Volvo) e Tesla hanno già avviato delle collaborazioni per costruire modelli o software basati sulla tecnologia del colosso cinese.