La nuova Mercedes-AMG SL rappresenta un doppio punto di svolta per la Casa tedesca, sia perché è il secondo modello sviluppato interamente dal reparto sportivo della Stella, sia perché segna il ritorno in grande stile al segmento delle cabriolet di lusso che resta una piccola ma importante nicchia di mercato per Mercedes.

Dopo aver visto le foto spia e quelle ufficiali dei prototipi intenti a macinare milioni di chilometri, oggi è arrivato il momento di guardare un po' più in profondità, con le prime immagini del telaio "nudo" della Mercedes-AMG SL. Una nota ufficiale accompagna questi scatti e ci spiega alcuni dettagli tecnici inediti della scocca in alluminio. Vediamoli assieme.

Obiettivo comfort e sportività, partendo da zero

Il primo dato importante è che l'architettura della nuova Mercedes-AMG SL è stata progettata e realizzata ex novo, partendo dal classico "foglio bianco" e senza sfruttare nessun modello già esistente, neppure la Mercedes-AMG GT Roadster.

Nuova Mercedes-AMG SL, la scocca

La scelta del telaio monoscocca leggero e in alluminio deriva dalla volontà di offrire un'auto dalle proporzioni sportive e che garantisca "comfort elevato e precisione nella dinamica di guida in un pacchetto ottimale". Tecnici e ingegneri di Mercedes-AMG hanno lavorato in particolare sul contenimento del peso e sull'elevata rigidità torsionale della scocca, raggiungendo un risultato finale di cui si dicono particolarmente fieri.

Una cabrio 2+2 con tanto alluminio e poco peso

In pratica, come ci raccontano le immagini della scocca in alluminio della nuova AMG SL affiancata da quella in telaio tubolare della prima Mercedes SL "Ali di Gabbiano" del 1952, è stato scelto un approccio progettuale che punta alla creazione di un'auto completamente nuova e superiore ai modelli precedenti.

Nuova Mercedes-AMG SL, la scocca

Scendendo nei dettagli, vediamo che le specifiche di progetto richieste per la nuova Mercedes-AMG SL erano davvero ambiziose e complesse, a partire dalla volontà di offrire per la prima volta un'abitacolo 2+2, motorizzazioni diversi e più sistemi di trazione.

Anche fibra di carbonio e magnesio

Unire la dinamica di guida sportiva alla necessità di garantire comodità e sicurezza è stata un'altra sfida cruciale, raccolta con lo sviluppo di una nuova roadster realizzata in alluminio, acciaio, lega di magnesio e materiali compositi come la vetroresina e la fibra di carbonio.

Particolarmente importante è stato l'utilizzo di componenti strutturali in alluminio nei punti di giunzione del telaio e dove si concentrano i carichi più pesanti, ma con l'obiettivo di non superare le dimensioni richieste e mantenere la leggerezza dell'insieme.

Una scocca "nuda" da 270 kg

Il risultato finale ci dice che la scocca della nuova Mercedes-AMG SL ha una rigidità torsionale maggiore del 18% rispetto alla precedente SL, superando del 50% i valori della AMG GT Roadster in quella trasversale e del 40% quella longitudinale. Questo si tradurrà su strada in una maggiore precisione di guida e agilità.

Fotogallery: Mercedes-AMG SL (2021), le foto spia dei test sulla neve

Il telaio nudo, senza porte, cofani e parti accessorie, pesa circa 270 kg ed è stato realizzato puntando anche al massimo abbassamento del baricentro. Per l'assemblaggio della scocca sono state usate diverse tecniche di giunzione delle parti, dalla saldatura MIG a quella laser, dalla rivettatura all'incollaggio e all'imbullonatura.

Il tutto con un tempo di tre anni e l'impegno iniziale di sette persone per la definizione dei prototipi e della versione di serie, grazie anche all'impiego di modelli digitali. La produzione vera e propria è prevista nello stabilimento tedesco di Brema.

Fotogallery: Nuova Mercedes-AMG SL, la scocca