La cura dell’azienda legata a Brabus regala alla Defender un look più “urbano” e interni altamente personalizzabili

Il tuner tedesco Brabus si è fatto un nome importante mettendo le mani su tantissimi modelli Mercedes. Per gli altri marchi, c’è l’affiliata Startech, un’azienda che non si pone vincoli sul tipo di auto da modificare.

L’ultimo progetto di Startech è la Land Rover Defender 90 resa più minacciosa e più pronta alla vita cittadina che agli impegnativi percorsi fuoristrada.

Abito e scarpe XL

Il cambiamento più evidente (e forse meno apprezzato dai puristi Land Rover) è la rimozione della classica ruota di scorta installata sul portellone. Al suo posto c’è l’enorme scritta “Startech” con tanto di richiamo alla Union Jack. Questa può essere personalizzata scegliendo esclusivamente i colori della bandiera del Regno Unito per rendere ancora più forte il legame con la terra inglese.

Land Rover Defender 90 by Startech
Land Rover Defender 90 by Startech

In generale, il SUV ha un look più “urbano”. Il kit estetico ha allargato le carreggiate e donato un aspetto più aggressivo alla Defender. Completamente nuova anche la parte anteriore con inserti e paraurti dello stesso colore della carrozzeria.

Land Rover Defender 90 by Startech

È impossibile non notare i mostruosi cerchi in lega da 23” a 10 razze. Le nuove “scarpe” sono montate su pneumatici Yokohama 305/35 R23: una misura piuttosto importante, ma decisamente poco da fuoristrada.

Più “on-road” che “off-road”

È poco “off-road” anche la scelta di dotare la Defender di un nuovo kit di sospensioni che ha ridotto l’altezza di 35 mm rispetto al modello di base. Per chi desidera avventurarsi nel fuoristrada, comunque, restano disponibili le modalità di guida del Terrain Response che ottimizza la trazione integrale a seconda del terreno che si vuole percorrere.

Land Rover Defender 90 by Startech
Land Rover Defender 90 by Startech
Land Rover Defender 90 by Startech

Startech mette a disposizione anche diverse personalizzazioni per gli interni. Si possono aggiungere, quindi, anche la pedaliera in alluminio, i tappetini personalizzati e una serie di pannelli blu, neri o rossi per dare un tono ancora più originale all’abitacolo. L’azienda parla di “una varietà praticamente illimitata di colori” per i rivestimenti in pelle e Alcantara.

Startech non accenna a interventi al motore o ai prezzi della "conversione". Deduciamo quindi che tutte le modifiche siano applicabili alle versioni a benzina da 300 CV, a quelle mild hybrid a benzina da 400 CV e a quelle mild hybrid diesel da 200, 249 e 301 CV.

Fotogallery: Land Rover Defender 90 by Startech