Tra i modelli più amati della divisione Motorsport di BMW c'è senza dubbio la BMW M2 ritenuta - a ragione - quella ancora fedele alla filosofia delle sportive bavaresi. Peso il più contenuto possibile, trazione posteriore e cambio (anche) manuale. Un vero sogno per gli appassionati, pronto a tornare con la nuova generazione in occasione del Goodwood Festival of Speed.

La data è l'8 luglio 2021, prima giornata della kermesse inglese, dove la coupé bavarese si libererà delle camuffature optical che la coprono da tempo, sia nelle spy photo sia nei teaser ufficiali, mostrando il proprio stile definitivo. Stile che, stando alle immagini e alle informazioni, sarà differente rispetto a quello della M4.

Frontale classico

A differenza della sorella maggiore infatti la nuova BMW M2 non adotterà il super doppio rene, preferendo una mascherina con proporzioni ben più modeste, accompagnate da prese d'aria maggiorate per raffreddare al meglio i vari organi meccanici, primo tra tutti il 3.0 6 cilindri (rigorosamente in linea) che troverà posto sotto al cofano.

Motore derivato da quello delle nuove M3 ed M4 con potenza che - ma mancano ancora i dati ufficiali - dovrebbe raggiungere i 450 CV nella sua versione di ingresso. Tanto quanto offerto dall'attuale M2 CS, la più potente della gamma.

Nuova BMW Serie 2 Coupé, le foto teaser dei prototipi
Nuova BMW M2, i teaser

Una crescita esponenziale di potenza (basta pensare che la M240i è più potente della vecchia M2) accompagnata da trazione posteriore e cambio manuale, ma solo per alcune versioni. Pare infatti che come M3, M4 ed M5 anche la nuova BMW M2 proporrà non solo il cambio automatico, ma anche la trazione integrale.

BMW M2, le più potenti dopo

Per seguire le orme delle altre BMW firmate Motorsport anche la nuova BMW M2 verrà poi presentata in versioni ancora più cattive: Competition, CS e CSL, con quest'ultima a rappresentare il top di gamma e caratterizzata da cavalleria esagerata ed estrema leggerezza.

BMW M2 Elettrica, le foto spia
BMW iM2, le foto spia

Ci potrebbe poi essere una BMW M2 con potenza da far impallidire ogni altra BMW M mai prodotta nei 50 anni di storia della divisione Motorsport: più di 1.300 CV e 0-100 in meno di 2,5". Ma sotto al cofano non ci sarà traccia di cilindri e pistoni. Secondo numerosi rumors infatti nel giro di qualche anno dovrebbe arrivare la BMW M2 elettrica (chiamata iM2), attualmente conosciuta col nome di “Project Katharina”.