Honda sta accelerando i suoi piani per rendere sempre più “green” la propria gamma. Nel futuro della Casa giapponese infatti sono in programma massicci investimenti sui veicoli emissioni zero, sia a batteria sia con powertrain fuel cell a idrogeno.

Non sorprende, quindi, che la Casa abbia rilasciato il primo teaser della Prologue, un SUV 100% elettrico sviluppato in collaborazione con General Motors.

Accordo con GM

Un modello misterioso anticipato oggi da un primo video teaser, nel quale vengono svelati solo nome e logo, senza accennare minimamente a stile e tecnologia. Sappiamo però che General Motors fornirà batterie e la piattaforma Ultium ad Honda che, stando ai piani, lancerà il nuovo modello nel 2024. 

Sempre nello stesso anno Acura (il brand di lusso di Honda dedicato agli Stati Uniti) presenterà la sua propria versione del SUV elettrico che, ma tutto è ancora da confermare, potrebbe segnare il debutto del brand giapponese nel Vecchio Continente. 

La notizia della Prologue arriva a pochi giorni di distanza dall’annuncio dello stop alla produzione della Clarity, una berlina a idrogeno presente anche in Europa, ma con immatricolazioni molto contenute anche a causa di una rete di rifornimento ancora scarsamente sviluppata.

Una gamma sempre più elettrificata

Diversa dalla E:Prototype, SUV elettrico nato e pensato solo per la Cina e presentato al Salone di Shanghai ad aprile, la Honda Prologue sarà un esempio di nomen-omen: a lei spetterà infatti il compito di fare da prologo a una nuova generazione di auto elettriche firmate dalla Casa giapponese. 

Honda rivela il SUV: prototipo e brezza PHEV all'Auto Shanghai 2021
Honda E:Prototype

Da quel momento ci sarà una massiccia invasione di modelli emissioni zero, con l'obiettivo (negli USA) di vendere almeno il 40% di veicoli elettrici entro il 2030 e l’80% entro il 2035. Nel 2040 poi l'addio definitivo ai modelli con motore termico.

Il passaggio all’elettrico non si baserà esclusivamente sull’accordo con General Motors. La Casa giapponese, infatti, sta sviluppando la propria piattaforma “e:Architecture” che vedremo dopo il 2025 anche sui modelli che verranno venduti in Europa.