Non c’è spazio per la discriminazione in Casa Ford. La divisione tedesca del brand lo fa capire chiaramente con un modello unico che celebra la comunità LGBTQ+ e che arriva in risposta ad alcuni commenti omofobi apparsi sui social media di Ford nelle settimane precedenti.

Un Ranger Raptor per tutti

Ford supporta da tempo il Christopher Street Day (CSD) di Colonia, uno dei festival dell’orgoglio più grandi d’Europa. L’edizione più recente si è svolta il weekend del 29 agosto e ha visto la partecipazione di un Ford Ranger Raptor davvero inedito.

Ford Ranger Raptor

L’idea del pick-up “arcobaleno” è stata concepita per rispondere col tono giusto ad un commento omofobo. Senza un apparente motivo, un utente social, infatti, aveva definito “very gay” (“molto omosessuale”) il colore Performance Blue del Ranger. Ecco, quindi, che Ford ha ribattezzato sarcasticamente lo speciale Ranger Raptor proprio come “Very Gay”.

Dal blu all’arcobaleno

Così, la versione più estrema del Ranger ha ricevuto un “makeover” totale. La tinta Performance Blue (peraltro utilizzata anche per modelli come Focus, Fiesta e Mustang) è stata sostituita da un vero arcobaleno di colori e una pellicola dorata per creare un colpo d’occhio davvero speciale.

L’intero processo ha richiesto 60 ore di lavoro e 30 metri quadri di pellicole e il risultato incarna il pensiero di Ford nei confronti del pensiero omofobo.

Ford Ranger Raptor

Il Ranger è stato esposto nel corso della manifestazione e ha anche partecipato alla parata del Gay Pride di Colonia di domenica 29 agosto.

Non è comunque la prima volta che la Casa scende in campo per affrontare la questione. Già nel 1998, Ford aveva realizzato una speciale Ka in versione pick-up con livrea arcobaleno, la stessa che potete vedere ritratta accanto alla Ranger.

Fotogallery: Ford Ranger Raptor "Very Gay"