Non solo elettrificazione e guida autonoma: le Case auto stanno lavorando anche sulla riduzione del peso e su come rendere sempre più confortevoli i nuovi modelli.

Ne sono una dimostrazione le molle delle sospensioni realizzate in vetroresina dalla tedesca Rheinmetall che in futuro potrebbero diventare uno standard per le vetture di alta gamma.

Un progetto segreto

L’azienda di Dusseldorf afferma di aver condotto con successo i primi test sui prototipi e di essere entrata in una nuova fase dello sviluppo. Lo studio sulle molle in vetroresina è stato commissionato da un marchio premium non svelato, ma di certo sono state usate sulla concept Mercedes Vision EQXX.

Test nel mondo reale Mercedes-Benz Vision EQXX
Mercedes-Benz Vision EQXX

La componentistica (pesante il 75% in meno delle comuni molle in acciaio) sarà presto sottoposta a nuovi esperimenti prima di ricevere il totale via libera per il debutto sulle auto di serie. Secondo l’azienda, si tratta di una vera innovazione soprattutto per contribuire alla riduzione dei consumi e, nel caso delle auto elettriche, all’aumento dell’autonomia.

Per il comfort e la sicurezza

Sta di fatto che la riduzione del peso delle masse non sospese (ad esempio, le ruote e tutto il comparto delle sospensioni) è un aspetto importante anche per migliorare l’esperienza di guida. Sempre stando alla Rheinmetall, le molle in vetroresina garantirebbero una miglior stabilità generale del veicolo, minori vibrazioni e rumori.

Molla in vetroresina Rheinmetall

Inoltre, in quanto realizzate con materiale plastico, risulterebbero anche più resistenti alla corrosione dovuta all’esposizione all’aria e all’acqua.

Chissà quali saranno le prime auto a montare questa soluzione e se saranno modelli di lusso o sportivi o se, addirittura, ne vedremo un’anteprima nel motorsport. Un piccolo indizio: la sede della Rheinmetall che ha realizzato le molle è a Neckarsulm, nel Sud Est della Germania, a pochi passi dall’impianto Audi dove viene assemblata, tra gli altri modelli, anche l’e-tron GT.