Comprare auto online non è certo una novità: soprattutto quando si parla di usato i portali di vendita del web si sono conquistati un posto d'onore tra le preferenze degli automobilisti, e grazie a servizi sempre più dedicati oggi si può addirittura aspettare che l'auto arrivi in garage senza alzarsi dal divano.

La pandemia ha accelerato la digitalizzazione del mercato delle auto nuove e BMW è stata tra i primi marchi a puntare sulle vendite online: ora però la Casa dell'Elica punta in alto e si pone l'obiettivo di spostare un quarto delle vendite online.

La compri con un click

A svelare i piani del marchio bavarese è stato Forbes, che ha ospitato nel suo podcast TechFirst il vice presidente BMW, Jens Thiemer.

Potenzialmente un terzo dei nostri clienti avrebbe le possibilità per acquistare un'auto online, quindi dobbiamo prepararci insieme alla nostra rete vendita per renderlo possibile

Il VP BMW ha posto l'obiettivo di vendita online al 25% delle auto nuove entro il 2025 e non ha escluso che l'e-commerce del marchio possa includere anche servizi esperenziali, come i test drive virtuali, in un futuro non troppo lontano. Un tema che si lega a doppio filo anche con il Metaverso, vera terra di conquista per i brand di tutti i settori.

Come cambia l'acquisto

Naturalmente quella ipotizzata da BMW è una vera e propria rivoluzione che per essere completata richiede cambi radicali nella gestione della filiera. Per questo la Casa dell'Elica ha già avviato una partnership con Adobe per la gestione dei dati, il supporto nelle vendite online e la configurazione dei veicoli. Questo non significa però che la rete vendita fisica sparisca, anzi. Thiemer ha infatti aggiunto:

I concessionari rimarranno l'interfaccia principale per il nostro marchio, perché i costruttori dell'automotive che finora hanno basato tutto il business sull'acquisto digitale stanno aprendo le loro sedi fisiche perché rappresentano un percorso perfetto per il cliente tipo

Cambierà però il rapporto tra cliente e venditore: sarà difficile ottenere uno sconto in un percorso di acquisto full-digital, così come affidarsi al proprio computer per scegliere gli interni o gli optional più appariscenti. Viene da pensare che i concessionari non si svuoteranno tanto presto.