Fra i nemici peggiori degli automobilisti europei da circa due anni, i prezzi dei carburanti vivono una fase di saliscendi che dà poco ossigeno alle tasche. I pieni all’auto, infatti, costano ancora troppo rispetto a qualche tempo fa. E non solo per i rincari alle quotazioni internazionali del petrolio, ma anche perché le tasse continuano a pesare sui portafogli, soprattutto in alcuni Stati.

Già... ma quanto incide la componente fiscale sui prezzi di benzina e diesel in Europa? La risposta cambia da Paese a Paese, ma si può dire – in linea di massima – che i tributi valgono circa la metà della spesa sostenuta per ogni rifornimento. Vediamo nel dettaglio.

Come si compongono i prezzi dei carburanti

Per cominciare, ricordiamo come si compongono i prezzi dei carburanti. Sono quattro le voci da tenere a mente: accise, Iva, prezzo industriale e margine lordo. Le prime sono tasse introdotte su certi beni per finanziare determinate emergenze, diventate poi fisse; la seconda è la famosa “Imposta sul valore aggiunto”; la terza rappresenta i costi del petrolio e della sua raffinazione e la quarta è il guadagno dei distributori. In sintesi:

  • accise
  • Iva
  • prezzo industriale
  • margine lordo

I tributi sono rappresentati dalle prime due voci.

Man refuelling car at petrol station

Un uomo fa rifornimento all’auto

Le accise sui carburanti in Europa

Giocando adesso con i numeri pubblicati dalla Commissione europea, scopriamo che le accise sulla benzina in Europa (compreso il Regno Unito) valgono in media circa 55,5 centesimi al litro (cent/l). Le punte minime e massime si toccano rispettivamente in Ungheria (33,6 cent/l) e Olanda (82,1 cent/l), con il nostro Paese secondo (72,8 cent/l).

Ecco perché, per contenere l’inflazione, la Banca d’Italia suggerisce di ridurre temporaneamente le accise sui combustibili fossili e aumentare i trasferimenti alle famiglie più povere.

Tutti gli altri dati sono riportati invece nella tabella seguente, dove si vede che i Paesi sopra la media sono 13 e quelli sotto sono 15.

Paese Accise sulla benzina (€/l)
Olanda 0,821
Italia 0,728
Finlandia 0,722
Grecia 0,713
Francia 0,691
Irlanda 0,656
Germania 0,654
Portogallo 0,647
Regno Unito 0,632
Danimarca 0,626
Svezia 0,604
Belgio 0,6
Estonia 0,563
Media Ue + UK 0,555
Malta 0,549
Slovacchia 0,543
Lettonia 0,518
Lussemburgo 0,516
Croazia 0,512
Repubblica Ceca 0,5
Austria 0,489
Spagna 0,472
Lituania 0,466
Slovenia 0,445
Cipro 0,439
Romania 0,369
Bulgaria 0,363
Polonia 0,357
Ungheria 0,336

Passando al diesel, la media arriva invece a 44,8 cent/l, con l’Ungheria sempre al minimo (30,9 cent/l) e il Regno Unito tristemente primo (63,2 cent/l), seguito ancora dall’Italia (61,7 cent/l). Curioso il caso della Repubblica Ceca, dove non esistono accise sul gasolio, ma solo sulla verde.

Paese Accise sul diesel (€/l)
Regno Unito 0,632
Italia 0,617
Francia 0,609
Belgio 0,6
Irlanda 0,555
Olanda 0,529
Finlandia 0,51
Portogallo 0,503
Malta 0,472
Germania 0,47
Slovenia 0,463
Media Ue + UK 0,448
Danimarca 0,436
Svezia 0,427
Lettonia 0,424
Grecia 0,422
Cipro 0,41
Croazia 0,406
Austria 0,405
Lussemburgo 0,404
Slovacchia 0,397
Spagna 0,379
Estonia 0,372
Lituania 0,372
Romania 0,338
Bulgaria 0,33
Polonia 0,315
Ungheria 0,309
Repubblica Ceca /

L’Iva sui carburanti in Europa

Riguardo all’Iva, tutti gli Stati adottano la stessa tassazione interna su benzina e diesel (a eccezione, anche in questo caso, della Repubblica Ceca). L’imposta più bassa è applicata in Lussemburgo (17%), mentre quella più alta si trova – con un testacoda – in Ungheria (27%). In maniera un po’ approssimativa, potremmo dire che l’Iva in Unione europea e Regno Unito viaggia su una media del 21,5%: i Paesi sopra e sotto questa cifra sono rispettivamente 11 e 17. L’Italia applica un’aliquota del 22%.

Paese Iva sui carburanti (%)
Ungheria 27
Croazia 25
Danimarca 25
Svezia 25
Finlandia 24
Grecia 24
Irlanda 23
Polonia 23
Portogallo 23
Italia 22
Slovenia 22
Media Ue + UK 21,46
Belgio 21
Repubblica Ceca 21
Lettonia 21
Lituania 21
Olanda 21
Spagna 21
Austria 20
Bulgaria 20
Estonia 20
Francia 20
Slovacchia 20
Regno Unito 20
Cipro 19
Germania 19
Romania 19
Malta 18
Lussemburgo 17

I prezzi dei carburanti in Europa

Ma quali sono i prezzi dei carburanti attuali? Stando sempre ai numeri della Commissione europea, la benzina viaggia sulle medie di 1,67 euro al litro (€/l) – considerando tutti i 27 Stati membri dell’Ue – e di 1,72 €/l – contando solo i 19 Paesi dell’Area euro –. I rifornimenti più costosi sono quelli olandesi (1,89 €/l), mentre i più convenienti si trovano in Romania (1,33 €/l); Italia al settimo posto (e sopra le due medie) con 1,77 €/l.

Paese Prezzi della benzina (€/l)
Olanda 1,888
Danimarca 1,845
Grecia 1,82
Francia 1,799
Finlandia 1,793
Germania 1,773
Italia 1,766
Media Ue (Eurozona) 1,718
Irlanda 1,716
Media Ue (27) 1,67
Svezia 1,668
Portogallo 1,641
Estonia 1,619
Belgio 1,605
Lettonia 1,584
Spagna 1,532
Slovacchia 1,529
Croazia 1,485
Austria 1,478
Polonia 1,464
Repubblica Ceca 1,463
Lussemburgo 1,46
Lituania 1,439
Ungheria 1,43
Slovenia 1,415
Cipro 1,348
Malta 1,34
Bulgaria 1,332
Romania 1,331

E il diesel? Le medie dell’Europa politica e della sola Area euro sono rispettivamente di 1,64 €/l e 1,67 €/l, con Svezia e Malta in cima e in fondo alla classifica, a 2 €/l e 1,21 €/l, e l’Italia quinta e sopra il resto del continente, a 1,73 €/l.

N.B. prezzi aggiornati al 25 dicembre 2023

Paese Prezzi del diesel (€/l)
Svezia 2,048
Finlandia 1,889
Francia 1,742
Belgio 1,738
Italia 1,732
Irlanda 1,718
Olanda 1,711
Germania 1,697
Media Ue (Eurozona) 1,667
Danimarca 1,663
Grecia 1,653
Media Ue (27) 1,644
Austria 1,594
Croazia 1,592
Lettonia 1,584
Portogallo 1,574
Estonia 1,524
Ungheria 1,523
Slovacchia 1,521
Polonia 1,502
Lussemburgo 1,499
Lituania 1,494
Spagna 1,493
Repubblica Ceca 1,485
Cipro 1,469
Slovenia 1,468
Romania 1,411
Bulgaria 1,343
Malta 1,21