A portare Alpine sull'orlo del naufragio nel 1973 è in realtà il modello indicato come successore della A110, la A310, che arriva esattamente quando scoppia la crisi petrolifera.

A questo si aggiunga una concorrenza sempre più agguerrita, con  vetture "speciali" come la Lancia Stratos che iniziano a ostacolare il successo nei rally di Alpine.

La Stratos, molto simile all'A110 con il suo motore posteriore e la filosofia delle dimensioni compatte, ha il plus del motore Ferrari. Nel 1974, con il supporto della Renault, Alpine punta su altri obiettivi come la 24h di Le Mans.