Un'altra storia non banale su un nottolino d'avviamento dalla posizione insolita ci porta a Trollhättan, in Svezia, ormai ex-sede della Saab. E rispetto a Porsche, la motivazione non è la fretta ma la sicurezza.

Impegnata quanto i cugini di Volvo nella ricerca di soluzioni intelligenti per evitare incidenti e inconvenienti, a partire dal modello 99 del lontano 1968 Saab spostò il blocchetto di accensione sul tunnel centrale. 

Nelle intenzioni degli ingegneri, tale soluzione aveva lo scopo di ridurre al minimo la probabilità di lesioni alle ginocchia del conducente in caso di incidente. E con l'occasione, si introdusse anche un meccanismo che impediva di estrarre la chiave se non si posizionava il cambio sulla retromarcia, evitando così che qualche distratto lasciasse l'auto in folle e magari senza freno a mano.

Ben presto la chiave tra i sedili anteriori divenne il segno distintivo del marchio, conservato fino alla fine, tanto che l'ultima generazione della 9-5, uscita di scena prima del dovuto, pur essendo passata all'avviamento a pulsante alloggiava comunque anche questo sul tunnel.