Ibrida come sempre e raffinata più che mai, con qualche rinuncia nel bagagliaio

Nel 25, il fatto di essere ibrida l'ha resa da subito più unica che rara, facendola vendere più di quanto un po' tutti avessero previsto. Parliamo della Lexus RX, un SUV di grandi dimensioni, lussuoso e molto completo, che nella quarta generazione - la protagonista di questo #perchécomprarla - non è più l'unica sul mercato ad avere due motori, ma continua a puntare ancora tanto sulla raffinatezza.


Pregi e difetti


Sulla RX si viaggia in silenzio, coccolati da un abitacolo in cui praticamente è tutto di serie (anche nella versione base) e muovendosi in grande scioltezza. La morbidezza di erogazione tipica della propulsione ibrida, infatti, è amplificata dalla risposta cremosa del motore a benzina, un 3.5 V6 a ciclo Atkinson che - quando ci si dà dentro con l'acceleratore - ha pure un bel suono. Non è ai massimi livelli, invece, la percezione degli ingombri della carrozzeria, soprattutto in larghezza. Un po' di spazio, considerando le dimensioni esterne importanti, manca anche nel bagagliaio: è il prezzo da pagare per la presenza del secondo motore elettrico per la trazione integrale e per l'ingombro delle batterie, che tra l'altro rubano qualche centimetro anche per i piedi di chi si sta seduto dietro.


Qual è la migliore?


L'unica motorizzazione disponibile è quella ibrida, mentre tra gli allestimenti è il Luxury quello più in linea con la filosofia ricercata del marchio Lexus. Il tutto per un prezzo di 76, allineato ad altri grandi SUV ibridi concorrenti, che potete confrontare tra loro con il nostro Trovauto: Audi Q7, BMW X5, Range Rover Sport, Mercedes GLE, Porsche Cayenne, e

Fotogallery: Nuova Lexus RX, è cresciuta bene