La casa inglese, dopo la Evoque, si appresta a lanciare un nuovo modello stiloso e di tendenza. Da 58.800 euro

Non è stato facile rimanere professionali e distaccati avvicinandoci alla Range Rover Velar. Non lo è stato per tutta una serie di ragioni, che riassumeremo per brevità con… wow! Il nuovo SUV inglese ha un look che farà tendenza e un abitacolo senza eguali nell’attuale panorama automobilistico, complice la presenza di tre schermi (uno per il quadro strumenti e due nel cruscotto) e la grande qualità riservata a materiali e finiture. La Velar, insomma, ha il futuro segnato: non è azzardato immaginare che diventerà un oggetto del desiderio e sarà una vettura di grande avvenire per il costruttore inglese, come lo è stato prima di lei il SUV compatto Evoque


Com’è


Tecnicamente la Velar è il modello che riempie il vuoto fra la compatta Range Rover Evoque (lunga 4,37 metri) e la più lunga Range Rover Sport (4,85 metri). In realtà ha misure più vicine alla seconda che non alla prima, compresa la lunghezza (4,80 metri), maggiore rispetto ai modelli che in teoria sarebbero sue concorrenti: le Alfa Romeo Stelvio, Audi Q5, BMW X3 e Volvo XC60 gravitano tutte intorno ai 4,70 metri. Il SUV inglese non ha quindi una vera concorrente diretta. Dove la Velar fa esclamare il primo wow è nella vista laterale, perché l’altezza è inferiore di 12 cm rispetto alla Range Rover Sport: misura 1,67 metri e trasmette alla carrozzeria grande slancio e dinamismo, per merito anche dei fari (a led) anteriori tirati all’indietro e delle maniglie che a vettura ferma si ritraggono nella carrozzeria. Optional i cerchi fino a 22 pollici, i fari a led con funzione Matrix (modulano il fascio luminoso e lo adeguano alle condizioni esterne) e il tetto a contrasto, mentre i montanti anteriori sono sempre verniciati di nero. Il bagagliaio è molto generoso e ha una capacità minima di 673 litri.


Come va


Il secondo wow esce spontaneo quando si apre la portiera e si entra nell’abitacolo, perché il cruscotto della Velar ha un aspetto molto tecnologico e pochissime affinità con le vetture odierne: il nuovo sistema multimediale Touch Pro Duo prevede infatti uno schermo da 10 pollici per la gestione del navigatore e della parte multimediale e un altro identico per il climatizzatore e il controllo della trazione integrale. I due schermi si trovano l’uno sopra l’altro e hanno un’interfaccia in stile smartphone. Le novità della Velar si ritrovano però anche al volante, a dispetto degli ingombri generosi e della massa vicine alle 2 tonnellate: il SUV non è massiccio e poco reattivo con un modello di pari lunghezza, ma denota un’accezione stradale più marcata e si lascia guidare con relativa disinvoltura anche fra le curve, a patto di selezionare la modalità Dynamic per la gestione del comportamento su strada. Questo non vuol dire che la Velar sia maneggevole e reattiva come una sportiva, ma non è nemmeno impacciata come molti SUV lunghi oltre 4,80 metri. L'assetto adattivo è di serie.


Curiosità


Il nome Velar non è stato coniato per l’occasione da Range Rover, ma è quello utilizzato per alcuni esemplari di test risalenti alla fine degli anni ’60: Velar deriva dal latino e significa velare, coprire, perché le Velar di prova erano modelli laboratorio sulla quale testare in gran segreto novità e accorgimenti tecnici che sarebbero poi stati ripresi dalla prima Range Rover. L’accento va sulla a e non sulla e.


Quanto costa


Range Rover è consapevole di avere una “pepita” fra le mani e per questo sparerà in altro con i prezzi, che raggiungono i 112.400 euro di quella a benzina da 380 CV con l’allestimento di lancio tutto incluso First Edition. La versione meno costosa ha il benzina 2.0 da 250 CV e costa 58.800 euro, che salgono a 62.300 euro per l’allestimento di secondo livello. Il diesel 2.0 da 180 CV parte anch’esso da 58.800 euro. In Italia saranno più gettonati i motori a quattro cilindri da 180 CV a 250 CV, come ci hanno confermato dall’azienda, anche se una vettura di questo blasone dovrebbe meritare i sei cilindri 3.0 a benzina da 380 CV (69.700 euro) e 3.0 diesel da 300 CV (69.000 euro). Il cambio automatico a 8 marce e la trazione integrale sono di serie per tutte.


Scheda


Motorizzazione provata: Range Rover Velar D300
Quando arriva: settembre 2017
Quanto costa: da 69.000 euro:
Quanti CV ha: 300
Quanto consuma (ciclo combinato): 6,4 l/100 km
Quanta CO2 emette: 167 g/km
0-100 km/h: 6,5 secondi
Garanzia: 2 anni

Fotogallery: Range Rover Velar, l'anteprima nazionale alla Milano design Week