Il SUV elettrico inglese promette poco meno di 500 km di autonomia con prestazioni da auto sportiva

Il futuro è elettrico, lo sa bene anche chi ha nel proprio dna la tradizione di un marchio dal blasone degno di sua maestà la Regina. Eppure, proprio quel giagiuaro simbolo di prestanza ma al contempo classe, di evoluzione ma al contempo prestigio, ha vestito i pionieristici panni di chi nell'elettrico vede una strada non solo percorribile, ma anche accessibile in ogni sua sfaccettatura: autonomia e prestazioni, stile, tradizione e innovazione. Per Jaguar tutto questo si riassume in una parola: I-Pace.

Com'è

Presentare una vettura sfidando una concorrente è un qualcosa di insolito, eppure è quello che ha voluto mostrare la casa inglese, sfidando la Tesla Model X in un suo primo video ufficiale. Una gara di accelerazione tesa a sottolineare questa nuova realtà giunta nel mondo dell'elettrico. Batteria con una capacità di 90 kwH, per un'autonomia pari a 480 chilometri nel ciclo di omologazione WLTB, 400 cavalli di potenza, 696 Nm di coppia istantanea vista la natura non più endotermica. Questo è il biglietto da visita della I-Pace, sviluppata su un'architettura ed una piattaforma apposita per la meccanica a emissioni zero. Una meccanica che prevede due motori elettrici - uno per ogni asse - da 80 chilogrammi l'uno, in grado di dare trasferimento di coppia istantanea. E poi le gomme: 255/40 su cerchi da 22 pollici. Lo stile? In due parole: evoluto ma al contempo tradizionale. Percepisci fin dal primo sguardo la cura messa in mostra da Jaguar, ma in un rapporto contingente che delinea comunque forme figlie di una realtà prossima. Come a dire: il futuro è ora.

Come va

Abbiamo avuto la possibilità di mettere alla prova la nuovissima Jaguar I-Pace durante l'ultimo Salone di Ginevra. Non è stato un test approfondito, ma comunque prezioso per carpirne l'abilità, la maneggevolezza, l'accelerazione. Elementi questi, fondamentali sopratutto se rapportati con una propulsione elettrica in grado di ripartire al meglio la trazione, anche su superfici eterogenee e con scarso grip come quelle trovate in occasione del nostro test. Nel piccolo circuito di prova la Jaguar I-Pace ci ha dato una sensazione di prestazioni vicine a quelle regalate dalle sorelle con gli endotermici 6 e 8 cilindri con compressore volumetrico e naturalmente un'accelerazione istantanea grazie alla coppia disponibile immediatamente. Tutto questo nonostante un peso non proprio piuma: 2.100 kg. C'è poi la sensazione di grande agilità grazie anche al baricentro più basso di circa 15 cm rispetto a un SUV tradizionale. Un'auto diversa da guidare con il "one pedal driving", ovvero la guida con un piede solo che sfrutta la frenata rigenerativa dell'elettrico in rilascio. Potenza e...silenzio. Già, ci potremo abituare presto anche a vetture altamente prestazionali ma in grado di non emettere praticamente alcun rumore.

Curiosità

E' evidente come non potremmo non trattare l'insolita presentazione della I-Pace come curiosità, anche per un fattore di unicità. Jaguar ha infatti effettuato una presentazione ufficiale, mettendo subito a confronto il suo ev-SUV con quella che sarà la sua rivale, l'acerrima nemica detentrice del ruolo di regina dell'elettrico fino ad oggi, la Tesla. Sul circuito dei fratelli Rodriguez a città del Mexico, Mitch Evans - pilota e-Prix della casa del Giaguaro - è salito a bordo della I-Pace in una sfida con la Model X guidata invece da Tony Kanaan, stella del firmamento Indycar. Per sapere come è andata a finire, vi rimandiamo all'articolo sulla presentazione ufficiale.

Quanto costa

La nuova Jaguar I-Pace si attesa ad un prezzo di 79.790 euro. Per un periodo di tempo limitato c'è poi la First Edition con tetto panoramico fisso, specchietti retrovisori esterni riscaldabili, fotocromatici, fari fendinebbia anteriori, e sopratutto la tipica livrea rossa Jaguar.

Gallery: Jaguar I-Pace