Costa come una hot hatch sportiva europea, ma regala emozioni… Impagabili

Di fronte a macchine come la Mustang bisogna azzerare i propri punti di riferimento: quelli relativi ai prezzi, perché una coupé da 290 o 450 CV a meno di 50.000 euro si è abituati a pensare che sia un usato; invece sono i prezzi (ancora da definire) della Mustang restyling nuova. Occorre poi cambiare ottica sul concetto stesso di sportiva: serve ad andar forte o per divertirsi? Nel caso dell’iconica americana, vale la seconda.

Com’è

In quanto muscle car non può che essere muscolosa. Certo, la Mustang nasce come pony car (inventandosi peraltro il genere), cioè come muscle car in scala ridotta, nelle dimensioni, nelle prestazioni e nel prezzo, ma col tempo le due “categorie” si sono in un certo senso riunite e, soprattutto col motore 5.0 V8 farei fatica a definire la Ford come una pony car. Lunga 4,78 metri e larga 1,92, grazie a un’altezza di soli 1,38 metri trasuda aggressività da qualsiasi prospettiva la si guardi, a partire proprio dalle proporzioni, grazie anche ai cerchi in lega specifici e all'impianto frenante firmato Brembo. Ma non finisce qui, perché il cofano motore, in virtù delle nuove nervature, fa capire che là sotto, “male” che vada, ci sono 440 Nm di coppia. A proposito, il restyling si è concentrato proprio sul frontale, ora leggermente più basso (2 cm), con fari di nuovo disegno e con una mascherina leggermente più larga. Dentro, è finalmente arrivato il Sync 3, l’infotainment più evoluto di Ford. Sempre dentro, plastiche morbide sui pannelli porta e per la console centrale migliorano la percezione di qualità. A proposito di qualità e di cura per il dettaglio, ci sono nuove cuciture a contrasto, mentre fra gli optional non mancano i sedili climatizzati e il volante con corona riscaldabile. E siccome questa è una macchina utilizzabile ogni giorno, anche i sistemi di assistenza alla guida sono i più avanzati oggi disponibili: tra gli altri ci sono la frenata automatica d’emergenza con riconoscimento pedoni, il cruise control adattivo e il sistema attivo di mantenimento della carreggiata.

Come va

Come si diceva in apertura, per divertirsi non è strettamente necessario andare forte e la Mustang lo dimostra alla perfezione. Non che si vada piano, sia chiaro: anzi, persino la più piccola 2.3 Ecoboost (che pure ha perso 27 CV per via delle misure anti inquinamento e ora ne ha 290) ha prestazioni sufficienti per giocarsi la patente nel giro di un quarto d’ora. Detto questo, è proprio la filosofia di base di quasi tutte le sportive americane a essere radicalmente diversa da quella della maggior parte delle sportive europee, focalizzate principalmente sui tempi di accelerazione, sulla velocità massima e sui tempi sul giro. Con la Mustang conta di più poter mettere la macchina di traverso a velocità “umane”, continuando comunque a dare del ”lei” alla macchina. Sì perché soprattutto sul bagnato, come mi è capitato di guidarla a me, la Mustang è come se avesse due personalità: dolce e prevedibile fino all’80% del suo potenziale, per poi diventare quasi ostica, di sicuro impegnativa, piuttosto brusca nelle perdite di aderenza. Nulla che l’elettronica non riesca a gestire, ovviamente, ma se volete prendere voi i comandi, beh, sappiate che è richiesta concentrazione. Quanto al comfort, mi aspettavo qualcosa di più, perché nonostante le sospensioni MagneRide a controllo elettronico, le buche si sentono sempre un po' troppo e, soprattutto,  il nuovo cambio automatico con convertitore di coppia a 10 rapporti tende a strappare un po' quando dopo una fase di rilascio si torna a dare gas.

Curiosità

Good neighbours mode: si chiama così la modalità che Ford ha implementato fra quelle selezionabili per lo scarico della Mustang ed è pensata, come dice il nome, per il buon vicinato. In pratica, si può scegliere quando “ammutolire” - o quasi… - lo scarico per non svegliare il vicinato, la sera tardi o la mattina presto. Una funzione, ve lo posso garantire, che potrebbe essere davvero molto utile, soprattutto sul V8…

Quanto costa

Il listino ancora non c’è, in ogni caso difficilmente i prezzi si discosteranno molto dalla forbice 40.000/47.000 euro della Mustang attualmente in listino, con la 2.3 Ecoboost alla base della gamma, la V8 automatica al top e, nel mezzo, la 2.3 automatica a circa 42.000 euro e la 5.0 V8 manuale a circa 45.000 euro.

Scheda tecnica

Motore: 5.038cc, V8, aspirato
Potenza: 450 CV a 7.000 giri
Coppia: 529 Nm a 4.600 giri
Accelerazione 0-100 km/h: 4,3 secondi
Velocità massima: 249 km/h (autolimitata)
Consumo medio: 8,1 km/l
Emissioni CO2: 270 g/km

Fotogallery: Ford Mustang 5.0 V8 Fastback