Ora la sportiva degli Anelli ama fare i drift

Si legge Audi R8 RWS, si pronuncia “l’Audi a cui piace fare i drift”. Si perché la breve sigla alla fine nasconde le parole Rear Wheel Series, ovvero la prima Audi R8 stradale a trazione posteriore. Una prima assoluta negli 11 anni di storia della sportiva degli anelli, prodotta in appena 999 esemplari sia con carrozzeria coupé sia con tetto in tela a scomparsa. A spingerla c’è sempre il V10 aspirato di 5,2 litri da 540 CV, montato in posizione centrale. In abitacolo invece c’è un uomo felice che mai avrebbe pensato di poter driftare con un’Audi R8.

Com’è

Dire che si tratti della versione RWS invece della classica a trazione integrale è difficile se la si vede da fuori. L’Audi R8 a trazione posteriore infatti mantiene i tratti salienti della sorella quattro con la classica griglia single frame che per l’occasione è in nero opaco, stessa tinta scelta per le prese d’aria. Le prese d’aria laterali invece sono in “nero scintillante” e c’è la possibilità di applicare una striscia rossa longitudinale che dal cofano arriva fino al posteriore. Un richiamo alla R8 LMS GT 4, la versione da pista della sportiva tedesca, anche lei a trazione posteriore. I sedili sportivi in pelle e Alcantara arredano l’interno, dove si trova anche la placchetta che indica il numero di serie dell’auto, praticamente unica differenza rispetto all’abitacolo della R8 integrale. Virtual Cockpit da 12,3”, rotellina sul tunnel centrale e pochi altri comandi infatti rimangono inalterati e al loro posto. C’è poi la possibilità di sceglierla con carrozzeria coupé o spyder, con quest’ultima che sulla bilancia fa segnare 1.680 kg, 40 kg in più rispetto alla versione con tetto fisso e 50 in meno rispetto alla sorella a trazione integrale. Un modello al di sopra di ogni sospetto che saluta con il classico urlo del motore aspirato una volta che si preme il pulsante dell’accensione. Poi si parte e sembra che non cambi nulla, ma basta impegnarla nelle curve per capire che l’asticella del divertimento si è alzata notevolmente.

Come va

Aspiratissimo, il V10 FSI è sempre pronto, dai 2.000 fino agli 8.700 giri e nell’epoca dei turbo fa quasi strano vedere la coppia di 540 Nm inerpicata a quota 6.500 giri. Arrivarci è un piacere a lungo dimenticato. La mancanza della trazione integrale non penalizza il grip ma porta in dote cambiamento nelle sospensioni, specialmente all’anteriore e una ridistribuzione dei pesi con il 60% circa al posteriore. Il paragone con la “cugina” Huracan LP 580-2 a trazione posteriore è quasi inevitabile e la sensazione è che con la R8 RWS in Audi abbiano tirato fuori dal cilindro un’auto velocissima (0-100 in 3,7”) ma più gestibile al limite, grazie soprattutto alla calibrazione dell’assetto, lievemente più soft rispetto al Toro. La R8 diventa una sorta di giostra dalla quale non si vorrebbe mai scendere, perché diverte sempre sia in pista sia nel misto stretto e sia quando si tratta di dover fare semplicemente un po’ di fumo. Alla R8 RWS piace scomporsi e lasciar andare un po’ il retrotreno, che però non si allarga mai così così tanto come farebbe un’auto senza motore centrale o posteriore. Un altro bel cambiamento portato in dote dalla trazione posteriore riguarda lo sterzo che, grazie al minor peso sull’anteriore, con una risposta ancora più omogenea e precisa, grazie alle quali si riesce sempre a tenere a bada il posteriore.

Curiosità

L’Audi R8 RWS non rinuncia al classico Drive Select e proprio lui rappresenta la porta nel mondo dei drift. In modalità Dynamic e i controlli di trazione e stabilità in posizione Sport l’ESC diventa molto più permissivo ed entra in funzione solo al limite.

Quanto costa

Una serie speciale che rappresenta l’entry level per la gamma. Il prezzo della R8 RWS infatti è ben meno impegnativo di quello di una Plus Quattro da 610 CV: si parte dai 147.400 euro della coupé che diventano 160.700 euro per la spyder. Si sale poi se si opta, ad esempio, per impianto frenante (firmato Brembo) carboceramico con pinze a 8 pistoncini davanti e 4 dietro.

La scheda

Motore: 5.2 FSI
Potenza: 540 CV
Coppia: 560 Nm
Velocità massima: 320 km/h
0-100 km/h: 3,7"

 

Gallery: Audi R8 V10 RWS