Il piccolo SUV coreano si arricchisce anche delle versioni a con motore a Gasolio Smart Stream 1.6 e allarga la gamma in attesa della versione elettrica

La Hyundai Kona ha debuttato sui mercati già da qualche mese, tuttavia la gamma, fino a ora, ha presentato esclusivamente motorizzazioni a benzina. Una scelta dettata probabilmente dalla necessità di un’ultima messa a punto delle nuovissimi motorizzazione turbo diesel 1.6 Smart Stream che, però, arrivano ora a equipaggiare il B-Suv coreano. Un’assenza che non ha penalizzato troppo il mercato della Kona che si è ben difesa con i 1.0 e i 1.6 a benzina, ma che ora si presenta sicuramente più attrezzata per affrontare un segmento complesso ma interessante, in attesa della versione elettrica.

Com’è

Esteticamente la Kona diesel non si distingue in nulla dall'omologa a benzina con il caratteristico design subito identificabile dall’originale Cascading Grille, le coperture dei passaruota ispirati al mendo del motocross e dalle tinte carrozzerie decisamente d’impatto che si ripetono anche nei dettagli all’interno dell’abitacolo con modanature e cinture di sicurezza in abbinamento. Sempre in abitacolo debutta con Kona l’head-up display e la connettività Apple CarPlay e Android Auto. Ad arricchire le dotazioni la possibilità della ricarica wireless dello smartphone, il Sound System Krell e il fari full LED.

Hyundai Kona Diesel Test Drive
Hyundai Kona Diesel Test Drive

Come va

Le motorizzazioni diesel sono disponibili due declinazioni di potenza 85 e 100 kW rispettivamente circa 115 e circa 135 CV; la prima abbinata esclusivamente alla trazione anteriore e al cambio manuale a sei rapporti e la seconda disponibile anche con le quattro ruote motrici e solo con il cambio 7DCT , a doppia frizione e setta marce. Ho provato la versione più potente, considerando la cilindrata l’aspettativa era di qualche Newton metro di coppia in più ai bassi regimi, tuttavia i 265 Nm totali sono scaricati tutti a patire dai 1.500 giri quindi in linea con la media dei turbodiesel. Probabilmente la progressività è stata una scelta per mantenere bassi i consumi e il rispetto della normativa  Euro 6d Temp ha un po’ compresso le prestazioni. Prestazioni che comunque si possono gestire attraverso il selettore di tipologia di marcia Normal, Eco e Sport come quest’ultima che regala anche un po’ di divertimento sul misto. Lo sterzo leggermente ritarato offre anche la gestione della coppia in curva per evitare il “sotto”.

Hyundai Kona Diesel Test Drive
Hyundai Kona Diesel Test Drive

Curiosità

La Kona è uno dei pochi piccoli SUV che nascono anche 4x4, in particolare in questo caso la trazione integrale e di tipo on demand vale a dire che “entra” solo quando c’è bisogno grazie a un differenziale centrale a slittamento limitato. La particolarità è però che si può anche bloccare con velocità fino a 40 km/h e, in questo modo, si trasforma la Kona in un fuoristrada puro con la trazione distribuita equamente sulle 4 ruote: 50% davanti e 50% dietro.

Prezzi

Parlando esclusivamente delle motorizzazioni Diesel il listino parte dai 20.500 euro per il 115 CV in allestimento Classic fino ad arrivare al 31.050 euro necessari per portarsi a casa il 135 CV in allestimento Style 4WD. Per quanto riguarda le dotazioni sicuramente la versione Style è la più completa con praticamente tutto di serie. Tuttavia il listino Hyundai è abbastanza razionale e anche scegliendo una versione intermedia come la XPossible si può arricchire soprattutto dei dispositivi di assistenza Smart Sense. Il Multimedia System con Apple CarPlay e Android Auto, invece, è di serie fin dalla versione Comfort.

Leggi anche:

 

Hyundai Kona 1.6 136 CV CRDi 4WD

Motore 1.6 CRDi
Potenza 100 kW - 136 CV
Coppia Massima 320 Nm
Trazione 4WD on demand
Trasmissione 7DCT doppia frizione 7 marce
Altezza minima da terra 177 mm
Velocità Massima 186 km/h
Accelerazione 0-100 km/h 11,2 sec
Consumi 5,5-5,9 l/100 km
Emissioni 144-155 g/km
Prezzo della versione provata da 31.050 euro

Fotogallery: Hyundai Kona Diesel Test Drive