La seconda generazione dell’elettrica percorre senza problemi 250 km, comoda, ma con una posizione di guida difficile da regolare

Ci sono auto elettriche che fanno di tutto per differenziarsi da quelle “normali” e ce ne sono altre che volutamente puntano su un look più “familiare”. In questa seconda categoria rientra la nuova Nissan Leaf, seconda serie dell’elettrica più venduta al mondo che vuole confermare il successo della prima generazione cambiando forme e adottando tecnologie ancora più evolute, oltre a una batteria maggiorata a 40 kWh. Lo stile è meno arrotondato di prima, con un frontale non troppo diverso da Micra e Qashqai, ma con dimensioni leggermente superiori a Volkswagen Golf, Peugeot 308 e Fiat Tipo. La tanta curiosità che circonda la nuova Nissan Leaf ci spinge e metterla alla prova in questo “perché comprarla… e perché no”.

Pregi e difetti

La lunghezza di poco inferiore ai 4,5 metri permette alla nuova Nissan Leaf di accogliere bene i passeggeri, anche quelli posteriori che godono di sedili molto imbottiti e comodi; uniche pecche l’assenza di bocchette dell’aria dietro e lo scarso spazio per i piedi sotto i sedili. I 435 litri di capacità del bagagliaio sono superiori a quelli di Fiat Tipo e Mazda 3, ma non di Honda Civic, ma la forma irregolare del vano e la presenza dell’altoparlante Bose non aiutano nella sistemazione delle borse. Il passeggino dei bambini entra nel bagagliaio solo in senso trasversale. Chi si mette al posto di guida trova una buona qualità e solidità dei materiali nonostante le tante plastiche rigide, la posizione di guida di difficile regolazione e l’infotainment non particolarmente moderno. La dotazione di base della è di buon livello. Un grande pregio della nuova Leaf è la grande comodità e silenziosità di viaggio, la buona visibilità esterna e la generosa coppia del motore elettrico; la funzione e-Pedal - disattivabile - aiuta a rendere ancora più rilassante la guida con il solo pedale dell’acceleratore e un poderoso freno motore. Senza troppe attenzioni il consumo medio può arrivare ai 20 kWh/100 km e l’autonomia arrivare ai 200-250 km, ma se volete approfondire l’argomento leggete la prova dei consumi reali.

Leggi anche:

 

Quanto costa

Uscito dal listino l’allestimento base Visia da 33.070 euro, i prezzi della nuova Nissan Leaf partono dai 34.370 euro della Visia Plus e arrivano fino ai 42.160 della Tekna con vernice Pearl White Two Tone e parcheggio automatico ProPILOT Park. Nel mezzo c’è l’interessante versione Acenta da 36.360 euro dotata di Carica batteria da 6,6 kW, fendinebbia, specchietti regolabili elettricamente, climatizzatore automatico con pompa di calore, Intelligent Cruise Control e sensori di parcheggio anteriori e posteriori. A livello di concorrenti si possono valutare la cugina Renault Zoe dotata della stessa batteria e motore, la Hyundai Kona Electric di imminente arrivo con batteria fino a 60 kWh e la Volkswagen e-Golf.

Fotogallery: Nuova Nissan Leaf 2018