Questa volta, protagonisti della prova del Garage di Motor1.com Italia, sono le tecnologie dell'auto e il loro rapporto con lo smartphone

Come si comporta su strada ve lo abbiamo già raccontato in modo approfondito, ma la nuova Focus è una macchina interessante anche perché in Ford hanno deciso di non scendere a compromessi quando si è trattato di definirne la dotazione tecnologica. Il motivo di questa scelta? No, non sta solo nei gusti dei giovani, ma nel fatto che quasi tutti, ormai, siamo connessi; per farlo in sicurezza mentre viaggiamo, però, non possiamo fare a meno di un sistema di infotainment al passo con gli smartphone.

Il punto di partenza è l’app

Il presupposto di una connettività sicura è una perfetta integrazione tra macchina e smartphone: con la nuova Focus si parte dunque scaricando l’apposita applicazione da App Store o da Google Play, ci si registra e si crea il proprio profilo personale. Il passo successivo è quello di registrare la macchina, operazione che si fa inserendo il numero di telaio. A questo punto, siete ufficialmente dentro il mondo connesso di Ford, con la prima macchina realmente connessa di Ford.

Leggi anche

La sicurezza prima di tutto

Ora però un piccolo passo indietro: la tecnologia è “inutile”, se non è pensata prima di tutto per la sicurezza; ecco perché sulla nuova Focus non manca la chiamata d’emergenza, ad attivazione automatica in caso di impatto di una certa gravità, oltre che in grado di telefonare ai soccorsi e comunicando loro la posizione del veicolo. L’attivazione, in caso di necessità, può anche essere manuale, premendo un apposito tasto.

La tecnologia è “inutile”, se non è pensata prima di tutto per la sicurezza; ecco perché sulla nuova Focus non manca la chiamata d’emergenza

Tutto sotto controllo

Sicurezza significa anche partire con la consapevolezza che la pressione dei pneumatici è in regola, cosa che si può controllare dallo smartphone (anche se lo strumento più accurato resta il manometro), così come il livello del carburante e altre informazioni, come per esempio la posizione della macchina, l’indicazione di cambio olio, di lampadina fulminata, ecc.. Non ultimo, con l’app la potete aprire e chiudere da remoto e, se vi va, persino accendere il motore, per ora solo con cambio automatico.

 

Vai allo Speciale

Tutti online

Mentre il guidatore guida, chi viaggia con lui (se proprio non vuole essere di compagnia) può navigare appoggiandosi alla rete di bordo della Focus, che si trasforma in un hotspot WiFi capace di supportare fino a 10 dispositivi. Insomma, ormai lo avrete capito: sulla nuova compatta di casa Ford non ci sono tecnologie mai viste prima su una macchina, ma c’è tutto. Per la sicurezza, il comfort e, perché no, il divertimento.

Fotogallery: Ford Focus Garage: approfondimento