Tutti i segreti dello Sport Utility da 300 CV, svelati in una chiacchierata ad alta velocità, su un tratto del rally di Catalunya, con Jordi Gené

C’è qualcuno che pensa che la passione per l’auto sia una cosa destinata a finire. O se non altro a rimanere una questione di nicchia. Roba da supercar per pochi ricchi insomma. E poi ci sono i manager Seat, molto coraggiosi. Perché non solo continuano a dare un’impronta sportiva alle proprie auto, ma perché nel 2018 si mettono in testa che non c’è niente di meglio che lanciare un nuovo marchio. Sportivo. Cupra appunto. E di partire dal SUV Seat Ateca, proposto a 44.000 euro. Un’avventura di cui vi abbiamo già ampiamente parlato, grazie anche alla prova in anteprima della Ateca, ma su cui sono tornato… Ad alta velocità.

Una strada tutta per noi

Cupra - abituiamoci a chiamarla così perché di un’azienda vera e propria si tratta, come dimostra anche il fatto che è in costruzione una sua sede specifica - ha chiuso per noi un tratto di strada a 40 km circa da Barcellona. 4 km soltanto di asfalto (da percorrere quante volte si voleva), sufficienti però per capire molto della Ateca.

Io, prima di mettermi al volante, mi sono fatto “shakerare” per bene da Jordi Gene, pilota esperto con trascorsi in F1, tuttora impegnato in gare Turismo con Seat e Cupra, oltre che collaudatore di punta della Casa.

Una chiacchierata a 190 km/h

190 km/h non rappresentano una velocità da paura. In pista. Ma se li raggiungi in un tratto di strada compreso tra la montagna e il fosso, allora le cose cambiano. Accanto a un pilota professionista, però, tutto assume una dimensione diversa. Rassicurante.

Anche se la premessa, ancor prima di mettere la leva su D, è la seguente: “stacco l’ESP così i differenziali sono più liberi di lavorare e apprezzi meglio il lavoro che abbiamo fatto per velocizzare l’ingresso in curva e la motricità in percorrenza”.

Cupra Ateca

Divertimento prima di tutto

Ancora Gené: “L’obiettivo era minimizzare gli effetti del baricentro rialzato, conferire un handling da sportiva, senza mai mettere in discussione la sicurezza”. Un’impostazione che riscontro sia quando lui pesta col piede sinistro sul freno e poi butta, letteralmente, la macchina in curva, sia quando a guidare sono io e - con le dovute proporzioni - eseguo la stessa manovra.

La Ateca allarga quel tanto che basta, con le ruote posteriori, per velocizzare l’ingresso. Non mette ansia ma permette di raggiungere immediatamente il punto di corda. Quando poi si torna sul gas, il lavoro della trazione integrale 4Drive è egregio, nella misura in cui rende perfettamente neutrale la macchina: se c’è scivolamento, c’è con tutte e 4 le ruote.

Quando poi si torna sul gas, il lavoro della trazione integrale 4Drive è egregio, nella misura in cui rende perfettamente neutrale la macchina.

Un motore e un cambio che sono una garanzia

Il 2.0 TSI da 300 CV e 400 Nm di coppia fra 2.000 e 5.200 giri non è certo una novità della Cupra Ateca, si tratta piuttosto di una piacevole conferma. Dalla sua ci sono i numeri, 247 km/h di velocità massima e 5,2 secondi per scattare da 0 a 100 km/h, ma anche le sensazioni, perché la spinta non solo è tanta, ma è sempre presente. Il motore è fluido e accompagnato anche da un sound appagante però mai invasivo.

Cupra Ateca

Sportiva sì ma anche concreta

La passione per la guida è la stella polare di Cupra, ma poi bisogna fare i conti con la realtà. Fatta di famiglie che pretendono tutti i comfort e la sicurezza possibili. In questo, la Cupra Ateca è sullo stesso livello delle auto più moderne del Gruppo VW di questa fascia di mercato.

La frenata automatica d’emergenza con riconoscimento pedoni è di serie e, per 595 euro, si possono avere cruise control adattivo con Traffic Jam Assist, riconoscimento dei cartelli stradali e telecamere per l’angolo cieco. La dotazione tecnologica? Tra le altre cose si possono avere strumentazione 100% digitale, Connectivity box, regolazione adattiva dell’assetto (DCC), Park Assist e cerchi in lega da 19”. Volete una chicca? Per 2.440 euro potete avere l’impianto frenante Brembo Performance.

Motore 2.0 TFSI (turbo a benzina), 4 cilindri
Coppia Massima 400 Nm fra 2.000 e 5.200 giri
Potenza 300 CV
Accelerazione 0-100 km/h 5,2 secondi
Velocità Massima 247 km/h
Consumi 7,4 l/100
Emissioni 168 g/km CO2

Fotogallery: Cupra Ateca