L’assetto ora è più rigido e lo sterzo più diretto. Sotto il cofano c’è il 1.3 turbo benzina FireFly da 150 CV

Cinquecento mila Fiat 500X vendute dal 2014 ad oggi rappresentano un dato importante da cui partire. I SUV compatti piacciono sempre di più e la 500X è ormai in pianta stabile in cima alle classifiche di vendita. Con il nuovo allestimento Sport, che si piazza dopo l’Urban e il Cross al top della gamma, Fiat punta a quel pubblico che, in un SUV medio, non cerca solo comodità e sfruttabilità ma anche un tocco di sportività.

Sulla Fiat 500X Sport non cambiano i motori, che sono gli stessi che già troviamo in gamma, ma il design, con un kit estetico dedicato, nuove finiture interne e, per quanto riguarda la meccanica, molle, sospensioni e sterzo ritarati.

Com’è fuori

Sembra una Abarth con un po’ di grinta in meno. Molti elementi avvicinano infatti questa 500X alla più piccola 595, a partire dai pannelli della carrozzeria dedicati a questo allestimento fino ai bei cerchi neri da 19” optional (di serie sono da 18). Il paraurti posteriore è nuovo e ricorda molto quello della più piccola sorella sportiva, con i catarifrangenti inseriti verticalmente alle estremità che allargano visivamente l’auto su strada. La parte bassa è rifinita inoltre con un finto estrattore che ingloba sulla destra il doppio terminale di scarico.

Fiat 500X Sport

Guardandola di lato si può pensare che ci siano molti più cavalli sotto il cofano di quanti ce ne siano in realtà, merito dei cerchi, delle minigonne piuttosto pronunciate, delle calotte degli specchietti a contrasto e dell’assetto che, su questa versione, è stato abbassato di 1,3 cm rispetto alla 500X standard. Il frontale è la parte che cambia di meno: il paraurti è più muscoloso, con un profilo in argento satinato che ora incornicia i fendinebbia.

Com’è dentro

Entrando all’interno si notano subito pochi ma importanti upgrade, sia per quanto riguarda i materiali che per elementi specifici che danno all’ambiente un tocco di sportività in più. Gli assemblaggi sono molto solidi con un’alternanza di plastiche rigide sulla plancia che non fanno rimpiangere rivestimenti di maggior qualità, con la fascia colorata a contrasto che collega da parte a parte le bocchette laterali che, su questo allestimento Sport, si può avere anche di colore grigio opaco.

Fiat 500X Sport

Il volante è leggermente tagliato in basso con le impugnature in Alcantara, anche se mantiene l’impostazione tipica del Gruppo FCA, quindi con i tanti tasti per gestire telefono e ADAS davanti sulle razze e quelli per cambiare stazione e volume dietro. I sedili anteriori sono contenitivi grazie a fianchetti pronunciati, sono riscaldabili ed entrambi regolabili elettricamente.

Buono lo spazio per gli occupanti posteriori anche se i più alti sfioreranno con la testa e dovranno scendere a compromessi sia per entrare (la forma spiovente del tetto non aiuta) sia se davanti siedono persone di pari altezza, mentre il bagagliaio di 350 litri non cambia confermandosi inferiore per sfruttabilità a molte concorrenti.

Comfort

I cerchi da 19 con pneumatici dalla spalla bassa e molle e sospensioni più rigide del 10% si sentono sulle sconnessioni: la 500X Sport, a differenza della versione standard che è molto confortevole in marcia, filtra di meno ciò che passa sotto le ruote nonostante l’introduzione della FSD (smorzamento selettivo in funzione della frequenza) con gli ammortizzatori che arrivano a fondo corsa in compressione sulle asperità più marcate.

I sedili sono comodi ed è facile trovare la posizione di guida, con il volante che ha un’ottima escursione in profondità. Silenzioso invece il 1.3 sotto il cofano, anche a velocità sostenute, con gli unici rumori in abitacolo dovuti al rotolamento degli pneumatici e ai fruscii aerodinamici concentrati nella zona degli specchietti.

Piacere di guida

Il cuore della 500X Sport non cambia, con il piccolo ma brioso 1.3 FireFly omologato Euro 6d da 150 CV e 270 Nm che spinge bene fin dai bassi regimi in maniera regolare lungo tutto l’arco di coppia, anche se forse ci si sarebbe aspettata un po’ di grinta in più considerando la cavalleria a disposizione.

Fiat 500X Sport

Dati alla mano, ci vogliono 9,1 secondi per scattare da 0 a 100 km/h, con il cambio (un automatico DCT a sei rapporti) che fa sentire un po’ lo slittamento delle frizioni nelle marce basse ma che, con l’aumentare della velocità, si dimostra più che valido nonostante qualche incertezza in scalata. Può essere gestito anche manualmente tramite i paddle al volante, che però sono piuttosto piccoli e scomodi da utilizzare tra le curve per via della loro posizione piuttosto rialzata subito sopra ai comandi del volume dell’infotainment.

Rispetto alla 500X standard si percepisce subito che c’è qualcosa di diverso nell’assetto e nella taratura dello sterzo: le molle più rigide e l’assetto ribassato fanno venire voglia di prendere le curve con più brio, con questa 500 “alta” che è agile e si comporta bene anche negli avvallamenti presi a velocità sostenuta. Lo sterzo (il servosterzo elettrico è stato ritarato) ora è più preciso e sensibile e “accompagna” meglio l’auto in inserimento curva. Un buon comando, forse solo un po’ troppo spesso nell’impugnatura e non regolabile nel carico (è fin troppo leggero considerando gli upgrade meccanici di cui sopra).

Fiat 500X Sport

Quanto costa

La nuova 500X Sport può essere equipaggiata con tutte le motorizzazioni in gamma, dai diesel ai benzina. Il 1.0 da 120 CV con cambio manuale a sei marce parte da 24.000 euro, mentre il 1.3 da 150 CV con cambio automatico DCT a doppia frizione a sei marce da 27.500 euro.

Fotogallery: Fiat 500X Sport