Naturalmente diverse ma in qualche modo simili: il SUV 4x4 e la maxi-enduro condividono filosofia e rettagio. Ecco cosa hanno in comune

Suzuki Vitara e V-Strom 1050 XT rappresentano il punto di vista della Casa di Hamamatsu quando si parla di capacità fuoristradistiche unite a comfort e abitabilità.

Per questo abbiamo deciso di metterle alla prova sullo stesso terreno di gioco, tra asfalto e strade bianche, per capire punti di contatto e differenze.

Le protagoniste

Partiamo però con delle doverose presentazioni: la V-Strom è ormai una veterana ammiraglia della gamma Sport Enduro Tourer, diventata da poco 18enne visto che il suo esordio risale al 2002.

Il bicilindrico a V che ha contribuito al nome ormai diventato famoso è cresciuto negli anni dai 996 fino ai 1.037 cc degli ultimi anni, con la novità del model year 2020 rappresentata dalla crescita di potenza, che arriva a 107 CV e l'omologazione Euro 5. Non solo modifiche di sostanza però, perché la nuova 1050 XT strizza l'occhio alle iconiche DR-Z e DR-Big.

Fotogallery: Suzuki Vitara 4X4 e V-Strom 1050 XT, All-Terrain a 6 ruote

Il design nipponico fatto di linee spigolose e geometrie acute, accentuate dall'iconico becco che proprio Suzuki ha dato esordire ormai tre decenni fa sulle schiacciasassi monocilindriche da cui oggi la V-Strom prende ispirazione.  

Spigoli e colpi netti di Katana che distinguono anche gruppi ottici e nervature della Vitara, per un family feeling che scavalca i confini delineati dal numero di ruote. 

Suzuki Vitara 4X4 e V-Strom 1050 XT, All-Terrain a 6 ruote

Somiglianze e differenze

Se la V-Strom si conferma ormai da anni una tra le maxi più intuitive e divertenti da guidare su asfalto, nonostante la ciclistica e un peso di 247 kg che non le da il primato di leggerezza della categoria, la Vitara invece nel suo segmento rimane un peso piuma, e a restituire questa sensazione c'è lo sterzo, che rimane sempre leggero: in fuoristrada rimane un plus come su strada, soprattutto alle velocità più alte.

Suzuki Vitara 4X4 e V-Strom 1050 XT, All-Terrain a 6 ruote
Suzuki Vitara 4X4 e V-Strom 1050 XT, All-Terrain a 6 ruote

Insomma, la Vitara 4X4 è una di quelle auto con cui in una strada dissestata le buche non le eviti, ma le vai a cercare, e la scelta di materiali e gestione degli spazi interni la rende l'auto giusta per chi arriva sul cucuzzolo della montagna in compagnia del migliore amico a quattro zampe, oppure è salito sul passo per un'iniezione di adrenalina in sella a una mountain bike.

Un altro punto di contatto, che magari coloro che non masticano tanto di moto non si aspettano, è l’elettronica. Sulla V-Strom, finalmente arrivano Cornering ABS e altri assistenti tecnologici della piattaforma a sei assi, come il ripartitore di frenata o l’hill hold control, tutti parte del Suzuki Intelligent Ride System, che è di serie sulla XT.  

Suzuki Vitara 4X4 e V-Strom 1050 XT, All-Terrain a 6 ruote

Sempre di serie è anche il pacchetto ADAS della Vitara, che oltre a controllo di trazione e Hill Hold Control può contare su mantenitore di corsia, frenata automatica d'emergenza, monitoraggio colpi di sonno, riconoscimento dei segnali stradali e controllo elettronico della stabilità, solo per citarne alcuni. 

E se la brillantezza di risposta e il brio del motore alle diverse esigenze della manetta sulla V-Strom sono a portata di pollice, con tre riding mode e altrettanti livelli d'intervento del controllo di trazione escludibile, è altrettanto facile utilizzare il sistema AllGrip dei questo SUV, che ripartisce coppia e trazione a seconda delle necessità e del fondo percorso.

Suzuki Vitara 4X4 e V-Strom 1050 XT, All-Terrain a 6 ruote

La prova in fuoristrada

Dove altre rivali dalle quote ciclistiche ricalcate su modelli specialistici dimostrano di poter osare la V-Strom 1050 XT invece paga pegno: non tanto per la scelta del cerchio da 19" anteriore o per la corsa delle sospensioni che non arriva ai 200 mm, che danno feeling su sterrati e strade bianche ma mostrano limiti quando la difficoltà si alza, quanto per la luce a terra ridotta a 165 mm e la posizione di elementi come il collettore del cilindro anteriore e il filtro dell'olio, particolarmente esposti a sassi e gradoni. 

Suzuki Vitara 4X4 e V-Strom 1050 XT, All-Terrain a 6 ruote

Di riflesso, la Vitara 4X4 si conferma capace di unire i principi del fuoristrada che hanno plasmato la nascita del modello alla fine degli anni '80 caratterizzandone le doti fino alla trasformazione più recente, quella in SUV, che però non dimentica scopi e promesse originali. Ancora permette di divertirsi nell'off-road per tutti, concedendo qualcosa in più rispetto a molte rivali grazie al telaio, all’elettronica e alla sua trazione integrale.

Suzuki Vitara 4X4 e V-Strom 1050 XT, All-Terrain a 6 ruote

Va anche detto che questo DNA fuoristradistico si avverte sulla rigidezza in assorbimento delle sospensioni rispetto ad altri SUV e si percepisce nel fatto che ci siano materiali meno morbidi al tatto perché votati alla praticità di utilizzo.

Il verdetto

Razionali, ma pensate per l'utilizzo quotidiano e comunque moderne. Una frase come questa calza a pennello su entrambe, perché se è vero che questi due mezzi percorrono strade parallele non destinate ad incontrarsi, è evidente che sotto alcuni aspetti i loro percorsi sono veramente vicini.