Sotto il cofano ci sono tre motori, un benzina e due elettrici, per una potenza complessiva di 360 CV

La nuova 508 PSE (Peugeot Sport Engineered) è la Peugeot stradale più potente di sempre. Ha 360 CV, è ibrida plug-in e si può scegliere sia in carrozzeria berlina che station wagon.

L'abbiamo provata a Pratica di Mare, alle porte di Roma, in occasione della presentazione ufficiale alla stampa avvenuta all'interno della Base Militare Mario de Bernardi dove, centro operativo della divisione aerea della Guardia di Finanza.

Clicca per leggere:

Esterni | Interni | Guida | Curiosità | Prezzi

Esterni

Già ad un primo sguardo, si capisce subito che non si tratta di una normale 508: la PSE è più bassa, larga e cattiva e i tre tagli obliqui in giallo criptonite - che identificheranno, da ora in poi, le sportive Peugeot - suggeriscono che, sotto pelle, c’è qualcosa di diverso.

Test Peugeot 508 PSE
Test Peugeot 508 PSE

I nuovi convogliatori d’aria anteriori, anche questi gialli, e la griglia ridisegnata in nero opaco sono la prima cosa che si notano insieme ai grandi cerchi da 20", mentre dietro due scarichi in nero lucido e un estrattore con due particolarissimi flap ai lati la rendono veramente aggressiva. È ordinabile in solo tre colori, grigio, bianco e nero, con tutte le caratterizzazioni estetiche che sono di serie, cerchi e fari full LED compresi.

Interni

Dentro, di base, è la 508 che già conosciamo, e anche le finiture di altissimo livello sono le stesse: i sedili in pelle, Alcantara e tessuto tecnico sono comodi e avvolgenti, mentre consolle centrale e tunnel sono rivestite in legno. Sparsi qua e là, si notano immediatamente i badge e, soprattutto, i colori che troviamo anche all’esterno: sulle impunture del volante e della portiera, sul tunnel centrale e nelle grafiche della strumentazione digitale e dell'infotainment.

Test Peugeot 508 PSE

L'aria che si respira all'interno è di assoluta qualità, gli assemblaggi sono solidi e ben fatti e i materiali piacevoli al tatto ovunque. A livello di ergonomia, i guidatori più lati dovranno scendere a qualche compromesso con la visibilità della strumentazione, spesso coperta dalla parte superiore della corona del volante.

Per quanto riguarda il bagagliaio, la capacità è identica a quella della 508 plug-in standard.

Test Peugeot 508 PSE
Test Peugeot 508 PSE

Guida

La Peugeot 508 PSE ha ben tre motori: un termico a benzina da 1.6 litri da 200 CV e due elettrici, posizionati uno per asse in modo tale da garantire la trazione integrale. La potenza combinata è di 360 CV e bastano 5.6 secondi per toccare da fermo i 100 km/h e solo 3 per passare da 80 a 120. Accelerazione e ripresa quindi sono paragonabili a quelle di una sportiva ma, nonostante il lavoro fatto in Peugeot per raggiungere questo livello di prestazioni, la macchina rimane sempre molto equilibrata mantenendo la comodità di una 508 standard.

È stata abbassata di 1 cm davanti e di 1 millimetro dietro e le molle sono ora più rigide. Gli ammortizzatori sono di serie a controllo elettronico e regolabili su tre livelli, da Comfort a Sport, e tra il primo e l’ultimo la differenza si sente tanto: tenendole nel settaggio più rilassato possibile, lavorano bene in compressione soprattutto sulle sconnessioni veloci e non troppo marcate, mentre fanno più fatica arrivando a fondo corsa su quelle secche con i cerchi da 20” che non riescono a smorzare il contraccolpo.

È rigida sì, per cui anche in Comfort occhio a non prendere i dossi con troppa spavalderia perché potreste pentirvene. Questa rigidezza però aiuta in inserimento curva, la macchina rimane lì, piatta, e dà molta confidenza, con il peso extra delle batterie sul retrotreno e la spinta del secondo motore elettrico che aiutano a chiudere le traiettorie quando si viaggia a ritmo sostenuto. L’anteriore è piantato grazie anche alla carreggiata allargata e alle gomme che di serie sono delle Michelin Pilot Sport 4.

Test Peugeot 508 PSE

Una delle cose che mi è piaciuta di più è lo sterzo: è stato ricalibrato, è pesante il giusto ed è incredibilmente veloce e diretto, e non solo perché il diametro ridotto ti fa sentire tutt’uno con la macchina. L'unica cosa che bisogna studiarsi per bene è la posizione di guida perché chi, per esempio, come me preferisce tenere il volante molto alto per avere un input sullo sterzo più dolce, deve scendere a qualche compromesso con la visibilità della strumentazione che, inevitabilmente, viene compromessa.

A batteria carica, si può scegliere se muoversi in modalità 100% elettrica, ibrida o a benzina mantenendo un certo livello di carica. Quando si scarica, invece, la 508 PSE si comporta esattamente una full hybrid: la gestione di motori e batteria è stata ottimizzata per poter garantire la massima prestazione indipendentemente dallo stato di carica. Il 1.6 infatti lavora per non far mai scendere la carica a zero e così riesce sempre ad erogare i 360 cavalli che arrivano però sempre dolci, senza alcuno strappo brusco.

Il merito qui è anche del cambio EAT8 a 8 rapporti che è sempre una sicurezza: ogni marcia entra dentro in modo impercettibile e si viaggia fluidissimi quasi come non ci fosse un’interruzione della spinta tra una e l'altra grazie all'elettrico che interviene per colmare i vuoti rendendo tutto più omogeneo. Peccato solo per i paddle al volante che sono veramente troppo piccoli e in alto.

Test Peugeot 508 PSE
Test Peugeot 508 PSE

È una plug-in per cui la batteria è generosa: in questo caso è da 11,8 kWh e posizionata sotto il pianale per tenere basso il baricentro. Assicura, sulla carta, fino a 42 km in modalità 100% elettrica secondo il ciclo di omologazione WLTP e, con il caricatore di bordo da 7,4 kW, bastano circa due ore a questa potenza per una ricarica completa.

Curiosità

Non è un caso che la Peugeot 508 PSE sia stata presentata all'interno di un centro operativo della Guardia di Finanza. Il legame tra le Forze dell'Ordine e il Leone è, infatti, molto forte, con la Casa che è uno dei primi fornitori di mezzi adibiti al controllo delle strade. Recentemente sono state infatti consegnate diverse unità di e-208 e di 3008.

Prezzi

La 508 PSE è già ordinabile nelle concessionarie con le prime consegne che inizieranno a maggio. I prezzi di listino partono da circa 69 mila euro per la berlina e da circa 70 per la wagon.

La dotazione è, già di serie, molto completa e a richiesta, escludendo il colore della carrozzeria, si possono avere solo tre optional: il parabrezza riscaldato costa 180 euro e il tetto panoramico apribile 1.200, mentre il caricatore di bordo da 7,4 kW è gratuito in alternativa a quello da 3,4 di serie.

Oltre alla formula d’acquisto, Peugeot propone anche quella del noleggio a lungo termine di Free2Move Lease che prevede un canone mensile di 589 euro IVA esclusa con un anticipo di 7.860 euro per un contratto della durata di 36 mesi e 45.000 km, variabile ovviamente a seconda delle proprie esigenze. Sono compresi nel prezzo anche una wallbox per ricaricare l’auto nel proprio garage e un’esperienza di guida in pista.

Fotogallery: Peugeot 508 PSE (2021)

Peugeot 508

Lunghezza 4,75 m
Altezza 1,42 m
Larghezza 1.86 m
Peso 1.795 kg
Trazione Integrale
Motore 1.6 turbobenzina + due motori elettrici
Potenza 360 CV
Coppia Massima 520 Nm
Accelerazione 0-100 km/h 5,2 secondi
Velocità Massima 250 km/h
Consumi -
Autonomia in elettrico 42 km (WLTP)
Batteria 11,8 kWh
Tempo di ricarica 2h AC 7,4 kW (100%)