È una Classe S in miniatura: fuori e dentro è tutta nuova, si guida bene e ha dotazioni da ammiraglia

Sembra una Classe S, vero? E invece no! Come avete letto dal titolo, quella che vedete in foto è la nuovissima Mercedes Classe C. Basta una rapida occhiata per capire che il cambiamento rispetto al passato è stato radicale sotto tutti i punti di vista, non solo nell'estetica ma anche nei contenuti e nei motori.

Per questa prova abbiamo scelto il diesel più potete a listino, un quattro cilindri mild hybrid da 265 CV: per sapere come va leggete l'articolo qui sotto o cliccate sul video.

Clicca per leggere:

Esterni | Interni | Guida | Curiosità | Prezzi

Esterni

Parola d'ordine, semplicità. La nuova Mercedes Classe C testimonia come non sia necessario aggiungere linee ed esasperare le forme per tirar fuori qualcosa di più bello e moderno, e la fiancata attraversata da due sole morbide nervature ne è l’esempio. Gli stilemi generali sono quelli introdotti dall’ultima Classe S: le linee levigate della carrozzeria, le proporzioni equilibrate e la forma dei fari, sia davanti che dietro.

Lo sbalzo anteriore è ridotto e l’abitacolo sembra poggiato sull’asse posteriore, il che mette in evidenza il lungo cofano bombato. La grande griglia anteriore può cambiare nelle finiture a seconda dell’allestimento scelto e, per la prima volta sulla Classe C, la berlina rinuncia ai fari posteriori singoli, qui divisi in due tra bagagliaio e corpo vettura.

Nuova Mercedes Classe C (2021)

Ci sono poi elementi più sportivi come l’assetto ribassato, i cerchi che possono arrivare a 19 pollici di diametro e le caratterizzazioni estetiche firmate AMG. Rispetto alla precedente generazione è cresciuta di 7 cm in lunghezza e di uno in larghezza, ed è anche più bassa di un centimetro. Da fuori quindi il richiamo all’ammiraglia Classe S è evidente, così come lo sono le dotazioni, alcune di queste mai viste prima d’oggi su una C.

Interni

La tecnologia ha definitivamente preso il sopravvento, con i due schermi di strumentazione e infotainment che calamitano lo sguardo e possono arrivare ad avere una diagonale di 12,3 e 11,9”. Tutte le schermate possono essere personalizzate nell’estetica e il sistema MBUX arriva qui alla sua seconda generazione: ora può essere aggiornato Over The Air e alcune funzioni - come per esempio il rispondere al telefono - possono essere attivate anche senza la parola d’ordine ”Hey Mercedes”.

Nuova Mercedes Classe C (2021)

In generale, ci sono pochissimi tasti fisici, tutti raccolti nella fascia inferiore dello schermo. Può sembrare strano ma ci si abitua immediatamente ad interagire con il sistema con la voce o con pochissimi tocchi sullo schermo che, per facilitare le operazioni, è leggermente rivolto verso il guidatore e sembra galleggiare sul tunnel centrale. Guardandosi intorno, è impossibile non rimanere colpiti dalle forme e dall’alternanza dei materiali, morbidi sia nella parte superiore della plancia dove ci sono le tre turbine delle bocchette dell’aria che nella parte bassa, rivestita in moquette e plastica soft touch.

A richiesta, attingendo dal listino ci sono tantissimi rivestimenti diversi per qualsiasi superficie visibile. Venendo allo spazio, è abbondante in tutte le direzioni, con il passo extra che ha fatto guadagnare a chi viaggia dietro oltre 2 centimetri in più per le ginocchia e per le spalle in larghezza. Immutato invece il bagagliaio che, sulla berlina, è sempre da 455 litri.

Guida

Tutti i motori della nuova Classe C sono a quattro cilindri, tutti turbo e tutti mild hybrid, con potenze che vanno, per adesso, da 170 a 258 CV per i benzina e da 200 a 265 per i diesel. Per la prima volta, entrambe le alimentazioni possono contare su una rete di bordo a 48V che alimenta il sistema ISG. In pratica, al posto del volano viene montato un alternatore in grado di funzionare sia come generatore che come motore di avviamento.

Si tratta, in poche parole, di un sistema Stop&Start evoluto: a basse velocità o togliendo il piede dall’acceleratore il motore si spegne lasciando che l'auto veleggi, mentre quando si ricerca la massima prestazione è in grado di fornire un boost di 22 CV e 200 Nm di coppia a supporto della spinta termica.

Sul motore a gasolio più potente, quello di questa prova identificato dalla sigla 300d, sono state fatte diverse ottimizzazioni per raggiungere un tale livello di prestazioni: l’albero motore è nuovo, è stata aumentata la pressione di iniezione di circa 200 bar e ora entrambi i turbo sono dotati di una turbina a geometria variabile. I tecnici sono intervenuti anche sui pistoni in acciaio che hanno ora canali di raffreddamento riempiti di sodio, il che permette di ridurre i picchi di temperatura all’interno delle camere.

Tutto questo si traduce in un’erogazione lineare, fluida e costante spalmata spalmata su tutto l’arco dei giri. È praticamente inutile però puntare alla zona rossa perché il grosso della coppia è presente già in zona 2.000 e in ogni caso il cambio automatico 9GTRONiC a 9 marce è sempre pronto a sfruttarne al meglio la schiena.

Nuova Mercedes Classe C (2021)

Tra le tante modalità di guida che ci sono ho impostato subito la Individual, che permette al guidatore di gestire in maniera indipendente tutti i parametri della macchina. Il motore da il meglio lasciato in comfort così come il cambio per massimizzare il comfort, ma a seconda della strada ho giocato un po’ con sterzo e assetto per rendere più corposo il primo e rigido il secondo.

La risposta degli ammortizzatori è soft e l’assorbimento delle asperità, soprattutto quelle prolungate e ripetute, anche con i cerchi da 19” della 300d di questa prova avviene senza alcuna vibrazione o rumore, ci si passa sopra quasi come se nulla fosse. Quelle secche si sentono un po’ di più, ma per un cerchio meno generoso con una gomma dalla spalla più alta sicuramente aiuterebbe.

Ho sentito la mancanza del controllo elettronico soprattutto sulle curve autostradali veloci con un asfalto non sempre perfetto, con quell’effetto galleggiamento al posteriore che è percepibile soprattutto da chi siede dietro. A parte questo, quasi inutile aggiungere che è proprio sulle lunghe percorrenze che la Classe C, soprattutto con questo motore, dà il meglio di sé. E anche i numeri lo dimostrano: in un solo giorno abbiamo percorso circa 480 km tra autostrada e strade statati e il consumo medio di gasolio è stato di 5,5 litri per 100 km, oltre 18 km al litro.

Nuova Mercedes Classe C (2021)

Gli ADAS - che sono stati ottimizzati rispetto alla vecchia Classe C - funzionano benissimo. Si attivano dalla razza sinistra del volante e, secondo me, sono tra i migliori in circolazione, con il cruise control adattivo che è progressivo così come il mantenitore attivo della corsia.

Una novità è rappresentata dal riconoscimento automatico della segnaletica stradale che ora ha in memoria una più gamma di cartelli più ampia, compresi quelli dei lavori stradali. Pensate che l’auto è in grado di riconoscere i divieti dipendenti dalle circostanze integrando ciò che vede la telecamera con quello che rilevano i sensori. Per esempio, se c’è scritto “rallentare in caso di fondo bagnato” e piove, la macchina vi consiglierà di abbassare il ritmo.

Curiosità

Di serie i fari sono a LED ma, a richiesta, si può scegliere il sistema Digital Light che abbiamo già conosciuto sulla Classe S. All'interno di ogni faro c'è un modulo formato da tre LED, la cui luce viene scomposta da 1,3 milioni di microspecchi che rendono il fascio luminoso estremamente intenso e preciso. Possono avere anche funzione di proiezione, per cui rappresentare sulla strada simboli come i cartelli stradali o anche animazioni che interagiscono con ciò che si trova davanti all'auto.

Nuova Mercedes Classe C (2021)

Prezzi

La nuova Classe C debutta sul mercato italiano in sei versioni: Business, Sport, Premium, Sport Plus, Premium Plus e Premium Pro, con prezzi a partire da 50.990 euro per la C 200 mild hybrid Business in versione berlina, e ce ne vogliono circa 1.500 euro in più per la Station Wagon. È già possibile ordinarla, con l’arrivo nelle concessionarie italiane fissato per l'estate 2021.

Fotogallery: Nuova Mercedes Classe C (2021)

Mercedes Classe C 300d Premium Pro

Lunghezza 4,75 m
Altezza 1,44 m
Larghezza 1,82 m
Peso 1.700 kg
Trazione Posteriore
Motore 2.0 quattro cilindri turbodiesel
Potenza 265 CV
Coppia Massima 550 Nm
Accelerazione 0-100 km/h 5,7 secondi
Velocità Massima 250 km/h
Prezzo base 50.990 euro (55.960 euro la 300d)