Skoda Fabia Wagon, ovvero, la piccola Octavia

Che le Skoda siano delle Volkswagen diversamente vestite è ormai cosa nota anche ai meno esperti di automobili. Lascio dunque alle righe che verranno il compito di illustrare quello che c'è sotto la carrozzeria di questa station wagon ceca. Non si può non fare riferimento all'eleganza della vettura, al suo apparire razionale e solida, priva di fronzoli, ma non banale: understatement, per usare una sola parola, cara peraltro ai guru del marketing. E se questo concetto richiama alla vostra memoria “mamma Volkswagen” (ancora lei), beh, sappiate che siete sulla strada giusta: l'impostazione è la medesima, l'impatto visivo lo stesso. Non è auto che fa girare la testa, l'ultima Fabia in versione familiare, eppure non la si confonde così facilmente nel flusso del traffico, con quegli spigoli vivi e una stretta somiglianza - dichiaratamente voluta - con la sorella maggiore Octavia. La commercializzazione comincia a febbraio, con prezzi che dovrebbero essere di circa 800-850 euro superiori a quelli della 5 porte.


Octavia "compact"


Come vi ho anticipato, la somiglianza con l'Octavia è forte, ancor più dal vivo che in foto. Merito del taglio del terzo montante, inclinato ma non troppo (va bene il look, ma Skoda rimane pur sempre sinonimo di praticità), della forma dei fanali posteriori e della linea che muove la fiancata nella parte superiore. Il grande passo rispetto alla vecchia generazione è stato fatto i...