Volkswagen T-Roc 1.6 TDI, il motore che mancava

La Volkswagen T-Roc che non c'era. E di cui si sentiva il bisogno. Questo viene da dire provando la versione della crossover tedesca arrivata a listino quest'estate: la 1.6 TDI. Esclusivamente manuale, almeno per ora, ed esclusivamente a trazione anteriore, e questo per sempre, visto che le quattro ruote motrici snaturerebbero l'indole di una versione che si va a posizionare in una zona strategica del listino, tra la 1.6 TSI a benzina di pari potenza e la più potente (e più impegnativa, almeno in Italia) 2.0 TDI.

C'è poco da dire che i Diesel sono la causa di tutti i mali: da noi fanno ancora numeri interessanti. E anche se oggi vanno di moda alimentazioni diverse, un motore a gasolio come questo, con 115 CV e 250 Nm di coppia e la nuova omologazione Euro 6D-Temp, troverà di certo un buon numero di estimatori.

Volkswagen T-Roc 1.6 TDI, la prova

Com’è

Lunga come una Golf – 4,23 metri contro i 4,26 dell'ultima generazione della storica due volumi – la prima B-SUV della storia per il brand si inserisce nel variegato e agguerrito panorama delle crossover compatte con linee personali e identità tutta Volkswagen, fatta di sobrietà e concretezza, di buone finiture e molta qualità. L'auto, che già si è distinta nell'affollato segmento di appartenenza per razionalità e versatilità, può contare su una buona dotazione e un'abitabilità ai vertici della categoria.

Oltre ad ospitare comodamente anche i passeggeri posteriori (due, in verità, più che tre), sfoggia pure un bagagliaio capiente, con un volume di carico che va d...