Nissan Murano 2.5 dCi: il diesel che mancava

In contemporanea al lancio della Nissan Juke, che della crescente famiglia dei crossover Nissan è l'ultima arrivata, la Casa giapponese ha rinfrescato anche la Nissan Murano, che invece nel 2005 inaugurò quel filone che con la Qashqai si è rivelato un successone. Vettura concepita originariamente per il mercato USA, la Murano in Europa ha debuttato nel 2005 scontando l'ingresso in un mercato al contrario di oggi non ancora troppo maturo per le vetture a cavallo di più segmenti e soprattutto la motorizzazione a benzina proibitiva a molti per costi di gestione: basti pensare che i SUV motorizzati a benzina venduti nel 2009 sono stati appena il 9% del totale. Nissan Italia prevede dunque un'inversione di tendenza, stimando che da qui a 12 mesi il 90% delle Nissan Murano che verranno acquistate (circa un migliaio) saranno equipaggiate col 2.5 dCi.

IL DIESEL SI E' EVOLUTO

La scelta per la prima versione diesel da affiancare all'impegnativa V6 3.5 litri (l'unica disponibile fino ad oggi) è caduta anche per questioni di dimensioni sulla unità 2.5 dCi da 190 CV e 450 Nm recentemente aggiornata ed impiegata su Pathfinder e Navara model year 2010. L'evoluzione di questo propulsore quattro cilindri Euro 5 ha interessato il materiale del filtro antiparticolato, il ricircolo dei gas di scarico e i materiali del catalizzatore, mentre è stata sostituita la catena di distribuzione con una cinghia in gomma ed è stata semplificata la cinematica della pompa di iniezione eliminando un tendicatena...