Opel Corsa OPC: la turbo-carica dei 207 [VIDEO]

Avete idea di quanto ci si possa divertire con una bella trazione anteriore, di quelle "giuste"? Vero, con le sportive posteriori (magari in in pista) si può dare spettacolo, fare più fumo e traversi... ma se andiamo un pochino oltre questa "mania" da sovrasterzo e ci concentriamo sul piacere di guida puto allora troveremo tante altre sportive pronte a strapparci sorrisi, una curva dopo l'altra. Le trazioni anteriori cattive sono così: spesso compatte, pepatissime e con potenze gestibili (anche economicamente) ma non per questo poco emozionali, anzi, da maneggiare con cautela, un po' come accadeva con le segmento B degli anni 80-90. Ed è qui che troviamo la nuova Opel Corsa OPC che, grazie al suo 1.6 turbo da 207 CV, su di una strada bella curvosa vi farà divertire parecchio, esattamente quello che è successo a me durante questa prova!


L'apparenza non inganna


Impossibile confonderla con altro. Tutte le creature del reparto OPC (Opel Performance Center) sono riconoscibili anche a motore spento per la cura vitaminica che ricevono e anche questa Corsa OPC non fa eccezione, sia dentro ma soprattutto fuori. Disponibile solo con carrozzeria a tre porte, questa tedesca la si riconosce da chilometri: griglia anteriore a maglie larghe, cerchi da 18 pollici (optional, di serie sono da 17), prese d'aria, alettone (si può sceliere di due dimensioni), bandelle sottoporta e doppio scarico posteriore. Serve altro? maggarì ...