Infiniti EX30d: comfort e carattere

La corsa alla conquista della categoria delle auto di lusso, si sa, affida ai SUV un'importante fetta delle speranze dei traballanti bilanci dei costruttori più blasonati. Alle nostre latitudini il Diesel spopola. Quanti non sono usi bollare come "spendaccione" chi guida un'Audi Q5 2.0T, una Porsche Cayenne 3.6 o una BMW X6 xDrive 35i? Il connubio SUV-gasolio è quindi la classica quadratura del cerchio per chi vuole esagerare, ma non vuole strafare con i consumi.

POTERE DEL GASOLIO

La riscossa di Infiniti tra le Diesel è iniziata la scorsa primavera per portare il vero e definitivo assalto e procurarsi un' "esplosione" di vendite (nel 2010 sono previste 5.500 consegne in tutta Europa): ha cominciato l'FX30d, temibile avversaria per Audi Q7 TDI, BMW X5-X6, Porsche Cayenne Diesel, Mercedes ML e Volvo XC90. Il passo successivo è l'EX30d, la "sorella minore" del grande FX, del quale si stima un apprezzamento da parte di almeno l'80% della clientela di questo modello.

COMODITA' E CARATTERE

L'evidenza empirica dimostra che non tutti desiderano/possono acquistare un titanico SUV king size ma che il desiderio di guardare il mondo comodamente seduti in alto alberga nella maggior parte dei sogni automobilistici. L'EX assolve alla funzione di suggerire un impatto dimensionale leggermente più garbato e di offrire, nel contempo, quel design particolarmente burroso e vagamente sportiveggiante (basta osservare l'andamento del padiglione in coda che declina dolcemente verso il basso a voler imit...