Jeep Renegade 2019, poche novità fuori, tante "sotto"

Il lancio di nuovi motori è un appuntamento sempre importante per le case automobilistiche, a maggior ragione se il marchio in questione ha fatto scuola con tecnologie come il common rail e il MultiAir ed i propulsori al debutto vengono lanciati per sostituirne altri da tempo sul mercato. E' il caso dei tre cilindri 1.0 e quattro cilindri 1.3 della rinnovata Jeep Renegade, mai montati su nessun'altra vettura in Europa della FCA che li fa arrivare nelle concessionarie dalla seconda metà di luglio sotto il cofano del SUV compatto.

Com'è

I nuovi motori danno "peso" ad un aggiornamento che altrimenti rischia di passare inosservato, visto che la Renegade 2019 cambia molto poco all'esterno rispetto a quella oggi in vendita. La novità principale è davanti: i fari restano di forma circolare, ma ora sono dotati di luci diurne a LED integrate e dei proiettori a LED, che danno al frontale un aspetto più al passo con i tempi e migliorano l'illuminazione rispetto ai tradizionali fari con lampadine (la Jeep parla del 50% in più). Anche i fari posteriori sono ora a LED, e non smarriscono la finitura interna ad X tipica della Renegade. I fendinebbia sono stati riposizionati nel fascione (si trovano più al centro) e la tipica griglia con 7 feritoie riceve la finitura satinata. A richiesta si possono avere grandi ruote da 19", disponibili solo per il ricco allestimento Limited. Dentro invece si trova un nuovo vano nella console per lo smartphone, portabicchieri rivisitati e una nuova tasca por...