Infiniti Q30, il richiamo dell’Europa

Viene dall’Oltremanica, ha un solido legame di sangue con la Germania e, pur avendo passaporto giapponese, guarda soprattutto al mercato europeo. È la Infiniti Q30 che stabilisce ben tre primati: è il primo modello compatto del marchio di lusso di Nissan, il primo ad essere costruito nel Vecchio Continente e il primo a sfruttare per intero telaio e meccanica presi in prestito dall’alleato Daimler. Per dirla in soldoni: sotto la pelle della Q30 c’è il pianale MFA delle varie Classe A, B, CLA e GLA, ma lo stabilimento è quello storico Nissan di Sunderland, nel Regno Unito, dove i giapponesi hanno speso 250 milioni di sterline, assunto 300 persone e addestrato le altre 4mila che si dedicano anche a Qashqai e Juke per prepararsi a questo evento che vuole portare Infiniti nel cuore del mercato potenzialmente più importante per il nuovo modello.