Toyota Yaris GRMN, vuole essere maltrattata

Ci sono macchine, quasi tutte, fatte per essere vendute. E poi ce ne sono altre, come la GT86 o questa Yaris GRMN, che invece servono a far parlare del marchio e, perché no, a modificarne anche un po’ la percezione da parte del pubblico. E sapete quali sono le Toyota che mi sono piaciute di più negli ultimi anni? La GT86 sopra a tutte, e poi proprio questa, la Yaris formato piccola bomba. Una macchina che Giuliano ha già guidato in veste di prototipo e che adesso è invece definitiva.


Com’è


Esteticamente non è nemmeno troppo aggressiva, almeno in confronto alla sua scheda tecnica. Certo la colorazione è a dir poco appariscente, ma proprio qui sta il punto, è più una questione cromatica che di forme, perché rispetto alle Yaris normali, qui in più ci sono giusto l’alettone posteriore, i cerchi BBS da 17”, il grande scarico centrale che sbuca dall’estrattore aerodinamico e le maglie larghe delle prese d’aria. La verniciatura, quella sì che si fa notare, specie nei colori bianco, nero e rosso del team Gazoo Racing, cioè il reparto corse Toyota che si occupa di realizzare la Yaris WRC per il mondiale rally, l’Hilux per la Dakar, il prototipo per la 24 Ore di Le Mans, ma anche le varianti sportive dei modelli di serie. Dentro, ciò che la differenzia di più rispetto al resto della gamma Yaris sono il volante e i sedili. Il primo è il ...