Jaguar R, così una lettera fa la differenza

Attenti alla R. Una lettera che, posta accanto alle sigle XK e XF, promette scintille. Se oltre alla R, poi, c'è anche la S, allora si passa direttamente al fuoco. Quello dei 550 cavalli della XKR-S, per intenderci. Ma andiamo con ordine. La Casa di Coventry ha presentato in questi giorni le versioni 2012 della propria gamma. Dalla berlina XF alle sportive XK e XK Cabrio, passando per l'ammiraglia XJ, leggeri ritocchi hanno ringiovanito le linee e aggiornato i prodotti. Perché se è vero che nel 2010 il Giaguaro ha fatto segnare una performance molto soddisfacente (+21% rispetto al 2009), è vero anche che l'azionista Tata è molto esigente e dalla Casa inglese si aspetta una crescita costante nei prossimi anni. Obiettivo, questo, che per essere conseguito richiede aggiornamenti costanti, oltre che mirati alla conquista di nuovi mercati, con Cina e India (dove Jaguar può sfruttare la potenza commerciale di Tata) in pole position.

XFR: LANCIA LA SFIDA ALLE TEDESCHE

Dici berlina sportiva, pensi ad Audi RS6, BMW M5, Mercedes E63 AMG. Un'equivalenza concettuale che in quel di Coventry erano stufi di accettare passivamente, un "oligopolio" che cercano di spezzare dal 2009, anno di presentazione della XFR. Come anticipato qualche mese fa, la 3 volumi inglese è stata oggetto di una rivisitazione in chiave XJ. I proiettori anteriori sono ora più "affilati" e incorporano le luci diurne a led, le prese d'aria si arricchiscono di un profilo esterno cromato, mentre altri ritocchi di dettaglio...