BMW X5, perché comprarla e perché no

Me lo ricordo come fosse ieri, l'arrivo della prima BMW X5 sul mercato. Lo si percepiva, infatti, che c'era aria di rivoluzione attorno a questo marchio diventato sinonimo di berline sportive e di trazione posteriore.

Con quella X5, infatti, il marchio tedesco inaugurava la sua fortunatissima famiglia di SUV a cui si è da poco aggiunto il nuovo modello, protagonista di questa prova del #PerchéComprarla.

Pregi e difetti

Le dimensioni di questa ultima generazione di BMW X5 sono importanti. Soprattutto per la larghezza di oltre 2 metri - roba da supercar - che non permette di prendere troppo alla leggera la guida nelle strade strette. 

Nuova BMW X5 2019

Per contro, la percezione degli ingombri è istintiva e l'agilità sorprendente, grazie all'optional delle ruote posteriori sterzanti, per cui non appena la strada si apre emerge l'ottimo comportamento dinamico di questo grande SUV fra le curve. 

Nuova BMW X5 2019

Nulla da dire anche per quanto riguarda la qualità nella realizzazione dell'abitacolo. Materiali, finiture, assemblaggi e ricerca dell'avanguardia anche nella progettazione delle tecnologie di bordo. Le cosiddette interfacce uomo-macchina per interagire con il sistema di infotainment, infatti, sono addirittura quattro: tasti e rotori fisici, comandi vocali, touchscreen e comandi gestuali. Oltre, fra l'latro, agli all'intelligenza artificiale di Google Home e Amazon Alexa. 

Nuova BMW X5 2019

Tipica del marchio BMW, in ogni caso, anche l'offerta motoristica. La versione in prova - per esempio - la X5 M50d, ha un 3...