Kia Rio 1.4 CRDi EX Plus

La Kia Rio giunge alla terza generazione (la prima nacque nel 2000 dopo il modello Pride e fu rinnovata nel 2005) con una missione: dare del filo da torcere alle best seller del segmento B, ovvero la classe di mercato più combattuta in Europa. Il confronto passa per auto come le tedesche Volkswagen Polo, Opel Corsa e l'oriunda americana Ford Fiesta, la giapponese Toyota Yaris, le francesi Citroen C3, Renault Clio e Peugeot 208 e la nostrana Fiat Punto. Per valutare la nuova Rio abbiamo scelto la carrozzeria 5 porte, il motore 1.4 turbodiesel da 90 CV e l'allestimento più ricco, che per 16.100 euro rappresentano il top della gamma (se si esclude la Limited Edition, versione di lancio della carrozzeria a 3 porte).

L'APPARENZA NON E'... BRUTTA

Le doti su cui la nuova Kia Rio punta per battere la concorrenza si fanno "vedere", nel senso che le sembianze della compatta coreana sono certamente fra i suoi punti di forza. Il design di Peter Schreyer - in passato a capo dello stile Audi - si affida ad un frontale aggressivo avvolto nelle forme dei fari e della calandra. La fiancata ha una pronunciata scalfitura che percorre le portiere per tutta la lunghezza, mentre la zona del montante centrale raccorda molto in alto coda e padiglione. La prevalenza dei lamierati sulle superfici vetrate richiama le proporzioni di una coupé, con le relative ripercussioni sulla praticità d'uso. Un po' sottotono, inoltre, è la verniciatura del portellone, che nella parte interna non è omogenea rispetto ...